Andrea Ripa

Elezioni a Terzigno. Ranieri-Pagano-Aquino: stessa sfida di 5 anni fa

Andrea Ripa,  

Elezioni a Terzigno. Ranieri-Pagano-Aquino: stessa sfida di 5 anni fa

Volti nuovi: pochi. Alleanze inedite: tante. Terzigno torna al voto a cinque anni dall’ultima infuocata tornata elettorale e quella che a settembre dovrà rinnovare il consiglio comunale si preannuncia essere ancor più rovente. Tre candidati alla carica di sindaco in campo, c’erano già nel 2015. Ma oggi alle spalle hanno tutti coalizioni trasformatesi nel corso degli anni. Francesco Ranieri, Vincenzo Aquino e Stefano Pagano proveranno a conquistare la fascia tricolore, sulla strada s’è «perso» Serafino Ambrosio che pure aveva annunciato la candidatura a sindaco salvo poi “accontentarsi” di un posto per portare a casa uno scranno in consiglio comunale. L’uomo da battere resta il sindaco Francesco Ranieri, che rispetto a cinque anni fa, quando si presentava come l’outsider in grado di scompigliare gli equilibri politici, oggi punta al bis con alle spalle una maggioranza solida che in blocco lo ha sostenuto. Ieri mattina la presentazione delle liste in una lentissima procedura gestita dal segretario comunale cittadino durata fino al pomeriggio inoltrato, nonostante la presenza degli aspiranti alla carica di sindaco entro i termini previsti dal regolamento. Quattro liste, come anticipato dal quotidiano Metropolis, in uno schieramento di civiche che un misto di partiti. Dalla Lega a Italia Viva, fino al Pd e Fratelli d’Italia: nel calderone del primo cittadino c’è un po’ di tutto. Nelle liste non ha trovato posto Giuseppe De Simone, presidente del consiglio comunale uscente, che ha piazzato alcuni parenti a cui lasciare in dote il bottino di voti. Mivar è la lista che dovrà trainare la coalizione, qui hanno trovato posto Pasquale Ciaravola, Tina Ambrosio, Genny Falciano e Tina Ambrosio (giusto per citarne alcuni). Mentre ne “Il Tralcio” hanno trovato spazio i leghisti Maddalena Nappo e Vincenzo Panariello, fino a qualche mese fa pronti a sfidare Ranieri e oggi pronti a supportarlo. Terzigno nel Cuore, la lista del vicesindaco Massimo Annunziata e del consigliere Giovanni Bonavita, e Terzigno Democratica, dove sono confluiti i giovani del Pd che non sono riusciti ad allestire una coalizione valida. Tre liste invece per Vincenzo Aquino, da molti indicato come l’avversario principale del sindaco uscente. Nella coalizione delle larghe intese sotto la guida dell’avvocato con la passione per la politica le liste Amare Terzigno, Terzigno e futuro e Un’impronta nuova per Terzigno. Ed anche qui non mancano le sorprese: dagli ex consiglieri Salvatore Carillo a Maria Grazia Sabella, nelle liste hanno trovato spazio anche gli ex assessori Vincenzo Ranieri e Franco Nappo in rottura con Ranieri durante il primo mandato. Tra i big anche Giuseppe Ammendola e Domenico Auricchio, il senatore – tra i principali sponsor della candidatura di Aquino – è forse l’uomo più atteso di questa tornata elettorale. Chiude la bagarre per la corsa a sindaco Stefano Pagano, oggi in campo con due liste. La sua “Forza Italia” è l’unica lista di partito nella battaglia per il voto. Cinque anni fa era sindaco uscente, oggi è outsider. Condoni e Area Pip saranno i suoi cavalli di battaglia. Andrea Ripa

CRONACA