Deiulemar, regalo sotto l’albero: i soldi dalla Svizzera entro Natale

Alberto Dortucci,  

Deiulemar, regalo sotto l’albero: i soldi dalla Svizzera entro Natale

Torre del Greco. Sotto l’albero di Natale gli obbligazionisti della Deiulemar compagnia di navigazione potrebbero trovare in «regalo» i soldi legati al trust bloccato a Lugano, in Svizzera. è la speranza cullata dal gruppo di risparmiatori pronti a organizzare – alla Casa del Combattente in villa comunale – il primo incontro post-ferie per fare il punto della situazione e per provare a scacciare le polemiche scatenate dagli attivisti legati a doppio filo alle promesse elettorali degli esponenti del M5S.

Un summit a cui ha preso parte – in collegamento telefonico – l’avvocato Antonio Cirillo, difensore di centinaia di vittime degli armatori-vampiri e componente del comitato dei creditori della Deiulemar compagnia di navigazione. Proprio il legale storicamente vicino all’esercito di truffati si è lungamente soffermato sulla situazione del trust bloccato a Lugano – la somma si dovrebbe aggirare intorno ai 20 milioni di euro – e in attesa di rientrare in Italia in tempi brevi, come annunciato prima dell’estate dall’avvocato incaricato dalla curatela fallimentare di seguire la «questione Svizzera».

I chiarimenti forniti dall’avvocato Antonio Cirillo hanno rincuorato gli obbligazionisti dell’ex colosso economico di via Tironi, al punto da convincere la paladina del gruppo a postare su Facebook un messaggio carico di speranza: «Entro il mese di dicembre o, al massimo, all’inizio del 2021 il riparto potrà essere espletato». L’appuntamento in villa comunale è stata l’occasione per riaprire un confronto serio tra i risparmiatori e «per stabilire – si legge all’interno del gruppo Popolo Truffato Non Mollare – le priorità in vista di una stagione che ci vedrà presenti nelle aule dei tribunali». Perché, all’orizzonte, si profila la «madre» di tutte le battaglie per i risparmiatori traditi dagli armatori-vampiri: il braccio di ferro tra 393 milioni con Bank of Valletta.

@riproduzione riservata