Pompei. Turista ubriaco sfascia un bar, finisce in carcere

metropolisweb,  

Pompei. Turista ubriaco sfascia un bar, finisce in carcere

E’ emergenza sicurezza a Pompei. Nella notte tra sabato e domenica, infatti, un turista ubriaco disturba clienti di un bar e viene arrestato dai carabinieri. Un turista di origini tedesche, visibilmente in stato di ebbrezza, ha a iniziato a infastidire i clienti di un noto bar ristorante di via Plinio. Il titolare, all’inizio, ha provato a far rinsavire il turista. Quando poi ha capito che la situazione sarebbe degenerata, il proprietario ha chiamato i carabinieri.
Sono intervenuti sul posto i militari di Pompei e di Torre Annunziata. Alla vista dei carabinieri, l’uomo di circa 40 anni, ha reagito con violenza ed è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Portato prima in ospedale a Castellammare di Stabia, è stato poi portato in caserma per le formalità di rito. Intanto, sempre sul fronte sicurezza, continuano le indagini per identificare i bulli che, di sera, trasformano la tranquilla piazza di Pompei, in un ring contro i coetanei. Ragazzini che avrebbero agito soltanto per noia, per “riempire” un sabato sera probabilmente monotono per i loro gusti. Nessuna rivalità tra bande, nessuno sguardo di troppo a qualche ragazzina e nessuna lite c’era stata prima dell’aggressione consumatasi ai danni di un 14enne di Pompei, soccorso una settimana dai medici del San Leonardo di Castellammare per un lieve trauma cranico. L’aggressione, secondo prime indiscrezioni, sarebbe stata ordinata da una banda di ragazzini di Boscoreale, della zona del Piano Napoli. Ragazzini già noti a Pompei per altri episodi di violenza e arroganza andati in scena nei confronti dei più deboli.