L’esercito rosa di Buonajuto, record di donne nel nuovo consiglio comunale di Ercolano

metropolisweb,  

L’esercito rosa di Buonajuto, record di donne nel nuovo consiglio comunale di Ercolano

La politica è donna, almeno a Ercolano. Il trionfo elettorale del sindaco Ciro Buonajuto, confermato con circa l’80% delle preferenze, ha ridisegnato la geografia del consiglio comunale segnando una distanza profondissima, incolmabile, tra maggioranza e opposizione. E a dispetto degli anni scorsi le donne rappresentano oltre un terzo del “parlamentino” locale di corso Resina. Un dato da record, almeno in provincia di Napoli, dove l’ascesa delle donne in politica resta ancora confinata a poche “elette”, magari sponsorizzate dai capibastone locali. Ma non a Ercolano. Sono infatti ben 9 le nuove “lady” del consiglio comunale. Di queste cinque sono consiglieri uscenti e quattro new entry. In cima alla lista, confermatissima e votatissima – con oltre 1300 preferenze –  c’è Carmela Saulino, la dottoressa del Pd che nella parte finale della scorsa amministrazione ha anche ricoperto il ruolo di assessore. PiĂą votata tra i candidati sarĂ  chiamata a ricoprire il ruolo di presidente del consiglio nella prima convocazione dell’assise. A seguire un altro ex assessore – ma della giunta guidata da Nino Daniele – Antonietta Garzia. E ancora Maria Grazia Prillo, Assunta Riccio, Nunzia Scognamiglio e Colomba Formisano, la grande sconfitta delle comunali travolta, alle urne, dallo tsunami Buonajuto. Tre i volti nuovi del consiglio, invece, spiccano Loredana Scarcella che aveva giĂ  sfiorato l’elezione 5 anni fa, Anna Giuliano e Mariarca Cascone. All’opposizione, su tre eletti, due sono donne: la stessa Formisano e Emilia Dorio, altra new entry in municipio. Tutte elette con una marea di voti, a conferma della fiducia riposta nei cittadini nei loro confronti. Donne che potrebbero avere un ruolo e un peso politico decisivo anche nella composizione della nuova giunta. Saulino e Garzia sono tra le “papabili” quote rosa che Buonajuto potrebbe portare nell’esecutivo. Ma anche Nunzia Scognamiglio – reduce dalla sua prima esperienza in politica – potrebbe ambire a un posto di prestigio nella giunta. Ma molto, in questo senso, dipenderĂ  dalla linea che Buonajuto deciderĂ  di adottare per la composizione dell’esecutivo. Dinamiche alle quali guardano con attenzione anche i primi non eletti delle liste di maggioranza. Nel caso in cui il sindaco decida di attingere dal consiglio, infatti, qualcuno dei “delusi” potrebbe tornare in corsa.  E intanto mentre giĂ  si discute di dinamiche interne alla maggioranza bulgara di Buonajuto per la scelta degli assessori, le scorie della campagna elettorale non si sono ancora esaurite. «Sono rimasto solo a fare opposizione, io contro di tutti – il commento a caldo di Piero Sabbarese, terzo e ultimo consigliere di minoranza in aula – ma va bene così, rappresenterò quella fetta di cittadini che è stanca del sistema Buonajuto».

CRONACA