Peppe Russo, medico ed ex consigliere accusa: “Agitare le Tac su fb crea panico”

vilam,  

Peppe Russo, medico ed ex consigliere accusa: “Agitare le Tac su fb crea panico”

Peppe Russo, medico di base ed ex capogruppo del Pd in consiglio regionale critica fortemente il discorso di De Luca di qualche giorno fa.

Cosa non l’ha convinta della comunicazione del Presidente De Luca?

«In questo momento di grandi crisi di grande preoccupazione bisogna dare messaggi chiari, precisi e rassicuranti. Nel senso che bisogna dire quello che si intende fare. In sintesi dare le garanzie di un impegno e di uno sforzo. Convincere i cittadini che le istuzioni avvertono come prioritario il dovere di governare una fase che sta incidendo in maniera drammatica sulla loro salute, sui loro rapporti sociali, sul complesso delle attività economiche e quindi sta generando incertezza anche sul futuro non solo sul presente».

Quali sono i rischi di questo tipo di comunicazione?

«I rischi di questo tipo di messaggio sono di accrescere ulteriormente il panico e l’angoscia. Perché si sostanziano in un aumento della pressione sui medici e significherà anche, al primo accenno febbrile, un aumento del ricorso al 118. Il panico ingenera comportamenti consequenziali, non è senza conseguenze. Ed è assolutamente inconcepibile che il capo della principale istituzione campana non si renda conto delle conseguenze del suo gesto, e rischia di contribuire a tenere la situazione fuori controllo».

Cosa pensa di ciò che è accaduto a Napoli l’altra sera?

«Condanno con fermezza ogni tipo di violenza. Non sostenere che vi sia un incrocio tra questioni sanitarie e questioni economico sociali è atto di stupidità e continuare su questa strada è pura follia politica. Sarebbe invece utile aprire un dialogo e chiamare a collaborazione tutte le forze perché se questa situazione dovesse innescare dinamiche pericolose sarebbe la rovina di tutti. Bisogna che il presidente della regione e il sindaco della città metropolitana siano obbligati ad una necessaria concertazione». (Vilam)

CRONACA