Sorrento, Natale con meno luminarie. Risparmio di 250mila €

Salvatore Dare,  

Sorrento, Natale con meno luminarie. Risparmio di 250mila €

Sorrento. Il momento è assolutamente drammatico. Il turismo è in forte difficoltà ed è alle porte un inverno inquietante perché al nuovo lockdown annunciato dal governatore Vincenzo De Luca si aggiunge la zavorra dovuta al crollo verticale di arrivi e presenze dell’ultima estate. Si è lavorato pochissimo e qui dove l’87 per cento delle famiglie trae sostentamento dall’indotto ricettivo si inizia a respirare sempre più aria pesante. Ecco perché non è “corretto” impiegare centinaia di migliaia di euro per le luminarie natalizie, un elemento caratteristico di Sorrento che nelle passate festività ha fatto il pienone anche grazie all’attrattività delle luci e degli addobbi. Tutto veniva finanziato dagli incassi dell’imposta di soggiorno che si aggiravano sempre sui sei milioni di euro.

Ora però c’è un taglio clamoroso alle riscossioni e il Comune di Sorrento ha deciso di rivedere al ribasso gli importi. Il budget sarà decurtato della metà: circa 250mila euro verranno risparmiati grazie anche alla disponibilità dell’impresa titolare dell’appalto pluriennale di allestimento degli addobbi, la Tecnoservice di Santa Maria la Carità. Le luci e le luminarie ci saranno, in tono minore, anche in virtù comunque del contratto che lega la ditta all’amministrazione comunale. La svolta è comunque realtà e viene confermata anche dal neo sindaco Massimo Coppola che ha trovato l’intesa con Tecnoservice. C’è evidentemente bisogno di lanciare segnali costruttivi, scovare risorse da destinare alle fasce deboli e ai lavoratori stagionali piegati dall’emergenza economica e sanitaria. L’obiettivo, a detta del neo primo cittadino di Sorrento, è dirottare i risparmi – anche dovuti al taglio delle luminarie natalizie – al fondo che dovrebbe essere costituito a supporto delle famiglie in difficoltà e ai lavoratori stagionali del turismo. Tecnicamente, come già rilevato con una dichiarazione alcuni giorni fa da parte dell’ex assessore con delega al bilancio Michele Bernardo, c’è già mezzo milione di euro per gli aiuti. Una somma che può essere aumentata sino a 1,6 milioni di euro. Senza dimenticare l’obiettivo da parte del governo e della Regione Campania di potenziare le risorse per i Comuni. Nei giorni scorsi, a Sorrento, ad esempio per i bonus fitti, sono stati conclusi tutti gli adempimenti di rito, tra cui i controlli sulle documentazioni pervenute in municipio, con il via libera alle liquidazioni agli aventi diritto. Parliamo di quasi 190mila euro che serviranno a fornire un mini supporto a 270 nuclei familiari della città. In media, il bonus ammonta a circa 700 euro. Certo, non è tantissimo né si parla di cifre che possono definitivamente concedere una svolta, in particolare di questi tempi. Il sindaco Coppola e l’amministrazione intendono comunque verificare sul campo la possibilità di incrementare le risorse da destinare alle famiglie e ai lavoratori messi in ginocchio dalla pandemia.

CRONACA