Torre del Greco, la protesta «rassegnata» di un popolo stanco e segnato dalla crisi

Teresa Borriello,  

Torre del Greco, la protesta «rassegnata» di un popolo stanco e segnato dalla crisi
Gli striscioni a piazza Santa Croce

Torre del Greco. Tra i contrasti scatenati dal coprifuoco anti-contagi e il clima di tensione delle manifestazioni organizzate a Napoli negli ultimi giorni, Torre del Greco s’è distinta per il calibro pacato del flashmob promosso in piazza Santa Croce.

La gente di Torre del Greco ha protestato contro i provvedimenti decisi dal governo attraverso l’ennesimo Dpcm, tra gli infiniti che hanno caratterizzato questa pesante situazione sanitaria e socioeconomica. La voce del popolo non è stata coperta dalle mascherine e ha costituito un grido forte e chiaro, nonostante il distanziamento sociale e la partecipazione al di sotto delle aspettative, evidente segno di una popolazione ormai stanca e già segnata dalla lunga crisi provocata dal crac della Deiulemar compagnia di navigazione.

Energico e distinto è il grido d’aiuto dei cittadini, delle forze economiche che vivono all’ombra del Vesuvio ma che non vogliono vivere all’ombra delle istituzioni: «Il Covid può essere affrontato senza morire di fame!» Attraverso interventi chiari e sensibili, tutti hanno espresso il proprio disappunto: operatori dello spettacolo, piccoli imprenditori, commercianti.

Palpabile è la paura degli attori di un tessuto economico già «affaticato» dalla ondata della pandemia, vigorosa la richiesta di assistenza e tutela da parte delle forze governative che continuano a chiedere sforzi e sacrifici alla popolazione.

Distinguendosi dalle guerriglie urbane dei giorni precedenti, la cittadinanza di Torre del Greco ha voluto reclamare il diritto a una vita dignitosa – tramite la richiesta di sostentamenti a lavoratori e famiglie in situazioni complesse – l’avviamento di reali protocolli di sicurezza per chi vuole indistintamente continuare a lavorare.

La protesta s’è riferita anche alla necessità dell’attuazione di provvedimenti solleciti circa il potenziamento del sistema sanitario ai fini della concretizzazione di un’assistenza sanitaria eccellente, accessibile e gratuita per tutti.

CRONACA