Appello contro lo spreco a Pompei: «Niente luci in città a Natale»

Salvatore Piro,  

Appello contro lo spreco a Pompei: «Niente luci in città a Natale»

E’ stata presentata ieri dai consiglieri comunali Di Casola, Marra, Caccuri, Calabrese, Estatico, Robetti durante la prima riunione di assise la richiesta di sospendere il bando per l’installazione delle luci di Natale. Una vicenda che da giorni è all’ordine del giorno e sta creando non poche polemiche e indignazione. In un momento storico in cui si contano il doppio dei contagi per Covid diversi i rappresentanti delle associazioni e dei cittadini che avevano chiesto di evitare la spesa ma il sindaco Carmine Lo Sapio sembra deciso a voler continuare e concludere l’accordo. E così ieri a supportare i cittadini sono stati i consiglieri comunali di minoranza che hanno presentato una proposta «anti-spreco». La proposta è arrivata durante la seduta del primo consiglio comunale. «Abbiamo proposto di evitare la spesa stanziata per le luminarie natalizie di ben € 185.000,00 – spiegano i consiglieri – impiegandola invece a favore di commercianti, ristoratori, albergatori e di tutto il tessuto imprenditoriale locale». Sono gli stessi consiglieri comunali ad aggiungere «Il Covid e l’attuale emergenza economica dovrebbero imporre buon senso ed invece il governo cittadino pare ritenere più giusto rendere “scintillante” Pompei in vista del Natale, a discapito delle reali esigenze della collettività. Ma la politica e l’azione amministrativa non dovrebbero svolgersi nell’interesse dei cittadini? Oltretutto lo stanziamento sarebbe sin d’ora in assoluta controtendenza considerato che (giustamente) quasi tutte le città d’Italia hanno ridotto al minimo l’installazione di luci natalizie al fine di contenere le spese e di evitare assembramenti». I consiglieri sono così decisi a bloccare la spesa perchè inopportuno e concludono: «Il nostro Comune – concludono –  invece, incredibilmente vorrebbe apprestarsi a spendere la somma più alta di sempre per gli addobbi natalizi: evitiamo che questa non sia un’occasione persa per tendere la mano a chi oggi vive grandi difficoltà». @riproduzione riservata

CRONACA