Boscoreale, sindaco in bilico. L’opposizione chiede un consiglio verità

Pasquale Malvone,  

Boscoreale, sindaco in bilico. L’opposizione chiede un consiglio verità

Boscoreale. Superare la crisi di maggioranza e affrontare con responsabilità l’emergenza sanitaria che sta colpendo Boscoreale, con conseguenze economiche e sociali. Il monito arriva da tre consiglieri di minoranza che hanno chiesto la convocazione ad horas di un consiglio comunale monotematico. A firmare la richiesta sono Pasquale Di Lauro (civica), Carmine Sodano (Lega) e Angelo Costabile (civica), che ha da poco formalizzato il suo passaggio nelle file dell’opposizione dopo due anni e mezzo di convivenza forzata in maggioranza. La crisi di governo, insomma, ha paralizzato qualsiasi attività e progettazione. «Chiediamo al sindaco di affrontare la crisi politica in atto, definire la sua maggioranza e formare una nuova giunta. Solo con una stabilità politica – spiegano in una nota – è possibile affrontare con maggiore serenità questa situazione». Più che affondare il colpo, i tre rappresentanti del civico consesso tendono la mano all’esecutivo e si dicono pronti fare la loro parte. «Noi come consiglieri di opposizione siamo pronti ad una collaborazione diretta e sosterremo tutte le azioni necessarie per migliorare le condizioni attuali del nostro “amato” paese – sottolineano -, consapevoli che ogni giorno che passa in questo stato è un danno enorme per tutti noi cittadini». Sodano, Di Lauro e Costabile si dicono particolarmente preoccupati per come l’amministrazione Diplomatico sta gestendo l’emergenza. In particolare è «il silenzio assordante del sindaco e della sua parziale giunta» giudicata sconfortante. Parziale perché dopo le dimissioni di Francesco D’Aquino, si è aperto anzitempo il tavolo delle consultazioni per il rimpasto. «Ci troviamo di fronte non solo ad un’assenza totale di assistenza alle persone contagiate ma anche ad un mancato controllo e monitoraggio dei possibili assembramenti che possono crearsi sui luoghi pubblici della città. Oltre alla crisi sanitaria – precisano -, continua a non esserci nessuna azione di sostegno economico alle categorie maggiormente investite dalla crisi. Chiediamo al sindaco di affrontare la crisi sanitaria con maggiore trasparenza – chiosano – e definire degli indirizzi politici per risolvere i grandi problemi economici e sociali che stanno investendo il paese».

CRONACA