Ha 17 anni, accoltella la rivale a Torre Annunziata

Giovanna Salvati,  

Ha 17 anni, accoltella la rivale a Torre Annunziata

Un banale litigio tra due minorenni che rischia di sfociare in tragedia. Odio e sangue in una serata normale in uno dei rioni popolari di Torre Annunziata un’oretta prima che scatti il coprifuoco. E’ successo martedì sera in uno dei vicoli del rione storico di Torre Annunziata: Via Sambuco. Sono da poco passate le 21,30 quando una ragazzina, di 17 anni, sta rincasando con la zia. E’ all’interno della sua autovettura, ha la macchina zeppa di buste della spesa. Quando però le due donne imboccano il piccolo vicolo buio di fronte si trovano di fronte un’altra ragazzina di 16 anni. La conoscono. E’ una vecchia conoscenza. La invitano a spostarsi ma la ragazzina non si muove di un centimetro. Le altre due ragazze nella macchina decidono così di allontanarsi accostando l’auto sul lato del vicolo e scendendo. La prima scende dalla macchina, anche lei è minorenne, citofona a casa sua e invita la madre ad abbassare il paniere dal balcone per poterle dare la spesa. L’altra ragazzina intanto si allontana dal vicolo ma non prima di aver insultato la coetanea che nel frattempo continua a svuotare l’auto e trasferire la spesa nel paniere. Ci sono anche, forse, altri motivi di screzio tra le due ragazze. Forse anche storie che fanno riferimenti a fidanzatini contesi. La giovane, però, non replica alle ingiurie e rincasa. Ma è arrabbiata. Piena di odio, ha sete di vendetta. Si cambia, prende delle forbici dal cassetto e scende nuovamente in strada. La sua vecchia conoscenza non c’è più, ma sa bene dove abita. Decide così di recarsi a casa e a farle compagnia dopo averle raccontato tutto è sua madre. Le due si recano qualche civico più avanti e invitano la  sedicenne a scendere. Con aria di sfida, lei non si fa pregare e scende subito. Le due iniziano a litigare: i toni diventano alti, la ragazzina impugna le forbici che estrae dalla giacca e inizia a colpirla alla schiena. Due, tre colpi e  la piccola si accascia, urla ed è in una pozza di sangue. La rivale lascia le forbici su un bidone e poi scappa via. In strada si precipitano i vicini allertati dalle urla, e anche i medici del 118. Intanto piombano anche i carabinieri della stazione di Torre Annunziata – agli ordini del maresciallo Egidio Valcaccia. La 17enne viene fermata, mentre la vittima, 16enne, trasferita al pronto soccorso dell’ospedale di Sorrento. Ha riportato numerose ferite alla schiena ma nessuna profonda e verrà dimessa dopo qualche ora con una prognosi di quindici giorni. La giovane viene condotta in caserma e ascoltata. Sarà lei a raccontare tutto ai carabinieri. Le due si conoscono e da tempo perché un familiare di una delle ragazzine è il compagno di una parente dell’altra. Insomma gelosie di ragazzine minorenni che forse non volevano far altro che attirare l’attenzione e l’affetto di chi le ha abbandonate. Per ora la piccola è stata segnalata e si attendono le deposizioni delle controparti per cercare di fare chiarezza sull’intera vicenda. Le forbici che sono state utilizzate per l’aggressione invece sono state sequestrate dai carabinieri in attesa delle disposizione del magistrato.

CRONACA