Natale tra virus e aiuti a Ercolano: mezzo milione per le fasce deboli

Daniele Gentile,  

Natale tra virus e aiuti a Ercolano: mezzo milione per le fasce deboli
Corso Resina a Ercolano

Ercolano. Emergenza sanitaria e Natale alle porte, in arrivo gli aiuti economici promessi dal Comune guidato dal sindaco Ciro Buonajuto. A partire dal 15 dicembre l’ente di corso Resina avvierà la ricerca delle famiglie in difficoltà economica a cui destinare circa mezzo milione di euro – precisamente 493.000 euro – sotto forma di spesa e aiuti necessari all’acquisto di beni di prima necessità. Per la prima volta – come spiega la comunicazione del dirigente del settore – sarà direttamente l’ente di corso Resina, tramite i propri data base, a individuare in automatico i nuclei familiari che avranno diritto all’aiuto. In particolare, la ricerca è rivolta ai nuclei familiari con un Isee inferiore ai 9.000 euro oppure alle famiglie numerose in quelle circostanze in cui ci sono quattro figli a carico o diversamente persone con disabilità fisiche e cognitive. Ai cittadini, dunque, non resterà che inoltrare una semplice domanda entro le ore 12 del 17 dicembre 2020 in maniera telematica collegandosi all’indirizzohttps://ercolano.bonuspesa.it/ e cliccando nell’apposita sezione “Sei un Cittadino”, sarà possibile scaricare il modulo di autocertificazione che dovrà essere inviato accompagnato da un documento di riconoscimento in corso di validità. Dopo la presentazione della domanda, il cittadino ammesso al beneficio riceverà – a partire dal 18 dicembre 2020 – sul proprio cellulare un sms con l’indicazione dell’importo riconosciuto e un codice pin per il suo utilizzo presso gli esercizi commerciali aderenti che dovrà essere fornito al negoziante al momento del pagamento dei beni che si intendono acquistare. Il Comune dunque, a partire dal 12 dicembre inizierà a individuare gli aventi diritto che a loro volta saranno convocati per ottenere il bonus. Sul “piatto” ci sono 493.000 euro destinati alle famiglie di Ercolano rimaste schiacciate dalla crisi Covid e che, grazie a questo aiuto – in totale si potrà ottenere un massimo di 450 euro per nucleo familiare – potranno almeno provvedere per qualche tempo all’acquisto di generi alimentari e prime necessità. Inoltre, come è stato spiegato dall’amministrazione comunale, per la prima volta gli aventi diritto non dovranno recarsi a un Caf o da un esperto per compilare una richiesta, in quanto sarà proprio il Comune, dopo aver ricevuto la domanda, a contattare i cittadini che purtroppo versano in uno stato di disagio economico. Agli eventi diritto toccherà, però, avere un contratto attivo per la fornitura di gas e luce, in modo dell’Inps inoltrerà direttamente i contributi.  «Ho chiesto all’assessorato e agli uffici di trovare la migliore modalità di erogazione, perché ci sono tante famiglie di Ercolano che aspettano un segnale dall’amministrazione comunale, soprattutto in questo periodo complicato per tanti aspetti- spiega il sindaco -. Abbiamo deciso di utilizzare la modalità digitale per semplificare la procedura e allo stesso tempo ridurre gli spostamenti e i contatti tra le persone. Ovviamente in parallelo sarà attivata anche una modalità classica, per garantire anche a chi dovesse riscontrare problemi nell’utilizzare sistemi online di poter accedere». Mentre gli esercizi commerciali di vendita al dettaglio di generi alimentari e beni di prima necessità, le farmacie, le parafarmacie e le cartolibrerie della città possono presentare domanda di adesione alla misura accedendo all’apposita sezione sempre con scadenza entro le ore 12 del 17 dicembre 2020.

(c)riproduzione riservata

CRONACA