Portava turisti sul Vesuvio, ucciso dal virus in 48 ore

Vincenzo Lamberti,  

Portava turisti sul Vesuvio, ucciso dal virus in 48 ore

Pensava di avercela fatta, di aver sconfitto questo terribile virus che sta facendo morti, distruggendo le famiglie e annullando ogni forma di vita civile e sociale. Salvatore Imperato, 60 anni, di Ercolano, uno dei tassisti più noti della città che conta sul suo territorio gli Scavi e il Vesuvio, non ce l’ha fatta.

E’ morto all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia dove era stato ricoverato solo poche ore prima. Il Covid ha colpito in maniera impietosa il fisico del sessantenne che non ha retto alle complicazioni del virus. La testimonianza di Paolo De Liguoro, medico di famiglia che aveva in cura l’uomo mette i brividi. Il medico, che per poco meno di due settimane è stato anch’egli in isolamento  dopo essere risultato positivo, ha voluto raccontare le ultime ore di Salvatore. «Eri un mio paziente, una persona perbene, in piena salute. Il tempo di visitarti e in 48 ore ho deciso per il tuo ricovero. Sembrava che andasse meglio, ma purtroppo sei stato sfortunato, la pallottola Covid ti ha ferito a morte – scrive il medico – Mi mancherà il tuo quotidiano buongiorno su WhatsApp. Ciao Salvatore…». Il dottor De Liguoro ha anche lanciato un durissimo monito nei confronti di tutti quelli che ritengono il virus solo un frutto della fantasia di governanti senza scrupoli. «Che la mia testimonianza sia da monito ai tanti imbecilli che negano l’evidenza e che fanno assembramenti» il suo durissimo attacco nei confronti dei negazionisti. Il medico, durante il periodo della sua malattia, più volte aveva invitato le persone a fare attenzione e a non cadere nella trappola perversa del virus. «Non è uno scherzo, dovete tutti fare molta attenzione» le sue parole dall’isolamento. Imperato era un tassista tra i più noti della città di Ercolano. Una smisurata passione per la musica, tanto che veniva ricordato col nomignolo di Patty Pravo. Tanti i video che, sui social, lo ritraggono mentre si esibisce in canzoni e diverte i turisti che, almeno fino alla diffusione del coronavirus, portava fino alle falde del Vesuvio. Il ricordo struggente arriva anche dal primo cittadino di Ercolano, Ciro Buonajuto: «La città di Ercolano è più triste. Questo maledetto virus ha portato via Salvatore Imperato, tassista storico del Vesuvio e conosciuto da tutti. Ai suoi figli il mio cordoglio più sincero» le parole del primo cittadino. Una città che dice addio a un altro dei suoi figli. Nelle parole del vice sindaco Luigi Luciani, che Imperato lo conosceva bene, il dolore per una perdita che fa male. «Ci ha lasciato, vinto dal covid, Salvatore Imperato, da tutti conosciuto come Patty Pravo per le sue doti da performer, tassista storico del Vesuvio, amato dai cittadini, ma soprattutto dai turisti. Il transfer per il Vesuvio con te era uno spettacolo teatrale, pieno di racconti e divertimenti. Sapevi cantare e ballare, mi hai sempre regalato il tuo sorriso e il tuo sostegno. Mancherai a tutti, saremo vicini ai tuoi splendidi figli» le parole del vice sindaco Pd.

CRONACA