Castellammare. Villa comunale, approvato il progetto per il restyling

Tiziano Valle,  

Castellammare. Villa comunale, approvato il progetto per il restyling

La villa comunale di Castellammare di Stabia sarà completata, cancellando l’errore dell’ultimo progetto di restyling, completato nel 2017, che aveva escluso il tratto davanti all’hotel Miramare. La giunta guidata dal sindaco Gaetano Cimmino ha approvato un progetto per la riqualificazione di quell’area che costerà 410mila euro, una somma già a disposizione del Comune, che investirà risorse residue di vecchi mutui richiesti negli anni scorsi alla Cassa Depositi e Prestiti. Allegato al progetto c’è anche un cronoprogramma che punta a far partire il bando già agli inizi del 2021 e completare i lavori entro la fine della prossima estate.Nella delibera approvata dalla giunta su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Russo, si legge che: «Il progetto prevede come area di lavori, l’area della villa comunale compresa tra il limite dei lavori effettuati e l’inizio della pista ciclopedonale – più nel dettaglio – L’intervento si sviluppa per una lunghezza complessiva di circa 110 metri lineari e per una superficie di 1200 metri quadrati». Forme, materiali, finiture saranno uguali al resto del lungomare già realizzato negli ultimi anni.Nella relazione firmata dall’assessore Russo si legge ancora: «L’opera, si configura così come progetto unitario di miglioramento del tratto di lungomare comunale prospiciente l’albergo Miramare, quale simbolo inscindibile posto ad accoglienza di quanti arrivano in città. Inoltre, il progetto di completamento della villa comunale intende porsi quale anello di connessione tra l’area già realizzata di Marina di Stabia, la pista ciclopedonale di Corso De Gasperi, il tratto di villa già completato ed il tratto a sud della città, già sede di interventi puntuali realizzati ed in fase di realizzazione».La pista ciclabile di via De Gasperi avrà quindi un naturale collegamento con la villa comunale e l’amministrazione ha scelto di realizzare proprio davanti all’Hotel Miramare anche una postazione di bike-sharing e un’area fitness attrezzata nello spazio dove già abitualmente tante persone sostano per fare esercizio fisico durante la giornata.Per quanto riguarda il servizio di bike-sharing, si va in continuità con il piano urbano di mobilità che dopo lo stop forzato a causa della pandemia, l’amministrazione intende rispolverare nel 2021.L’idea di allestire un servizio di bike sharing proprio in villa comunale, secondo l’amministrazione comunale dovrebbe stimolare le persone a passeggiare in bici per le strade del centro cittadino una volta che sarà istituita la zona a traffico limitato.«Anche il verde richiama le essenze presenti con un’attenzione particolare alla posizione di ogni singola alberatura», si legge infine nella delibera, a conferma dell’idea di un completamento naturale del progetto costato circa tre milioni e mezzo di euro, ma che inspiegabilmente aveva tenuto fuori l’ultimo tratto del lungomare.

CRONACA