Cisterne dei veleni a Torre Annunziata: «Ascione chiarisca in consiglio comunale»

Giovanna Salvati,  

Cisterne dei veleni a Torre Annunziata: «Ascione chiarisca in consiglio comunale»
Il sindaco Vincenzo Ascione

Torre Annunziata. Un consiglio comunale monotematico per discutere il caso-cisterne. La richiesta è stata protocollata nei giorni scorsi in municipio e indirizzata al presidente dell’assise Rocco Manzo. A firmare la missiva i consiglieri comunali Davide Alfieri, Ciro Alfieri, Raffaele Izzo, Pasquale Iapicca, Pierpaolo Telese e Maria Teresa De Martino.

Al momento alla richiesta non è arrivata nessuna risposta, ma cresce intanto la tensione in città sulla vicenda. Dopo il via libera della Regione Campania ai lavori dell’ampliamento dell’impianto nel porto di Torre Annunziata la città è tornata ad alzare la voce soprattutto dopo la posizione assunta dallo stesso consiglio comunale che nel 2018 aveva promesso di alzare le barricate – primo fra tutti il sindaco Vincenzo Ascione – decisione messa nero su bianco con un documento che ora sembra finito nel cestino. I consiglieri comunali ci riprovano trascinando il primo cittadino e la sua maggioranza in consiglio comunale – una seduta aperta alle associazioni e i comitati – ma per ora ancora non è arrivato il via libera del presidente Rocco Manzo.

Intanto, secondo indiscrezioni, la Isecold – la società dei fratelli Rocco che allestirà altre due cisterne nel porto – potrebbe fare partire i lavori di ampliamento già nei prossimi giorni, subito dopo le festività natalizie. Dopo il consenso della Regione, sembra non esserci nessuno ostacolo burocratico, ma l’ostacolo più grande restano i cittadini pronti a fermare l’opera in ogni modo.

Una vicenda che potrebbe così restare al centro dell’opinione pubblica ancora per molto tempo. Per ora è atteso il via libera del presidente del consiglio comunale per riportare l’argomento all’ordine del giorno nell’assise pubblica. Intanto il sindaco Vincenzo Ascione continua a ribadire che «bisogna imparare a convivere con le cisterne».

©riproduzione riservata

CRONACA