Tassa rifiuti, a Ercolano 4 contribuenti su 10 non pagano i tributi

Daniele Gentile,  

Tassa rifiuti, a Ercolano 4 contribuenti su 10 non pagano i tributi
Sacchetti di rifiuti su corso Resina

Ercolano. Quattro contribuenti su dieci non pagano la tassa Nu. è l’allarmante dato emerso in piena emergenza sanitaria, con la macchina politica impegnata a contrastare la pandemia tra aiuti alle famiglie in stato di indigenza e controlli anti-Covid. Insomma, in un momento storico in cui il Comune ha dovuto anche rinunciare a una parte degli introiti come la sosta a pagamento e i tributi locali. Tuttavia, non ci sono i mancati incassi alla base del «famoso» buco di 20 milioni di euro che adesso l’amministrazione comunale deve tappare: come ha spiegato il sindaco Ciro Buonajuto, infatti, buona parte dei soldi «mancati» all’appello dei conti dell’ente di corso Resina derivano dalla diffusa e radicata evasione fiscale.

Secondo una prima stima da parte dell’ufficio Tributi, circa il 40% dei cittadini non paga la tassa sui rifiuti.Un dato estremamente allarmante e complicato, ma anche difficile da rimettere in riga. Infatti, chi non paga la tassa sui rifiuti – secondo il primo cittadino – difficilmente pagherà una multa o una cartella esattoriale. Insomma, il recupero dei crediti vantati dal Comune appare estremamente complesso: «Registriamo ancora un dato allarmante e una evasione fiscale altissima – ha spiegato il sindaco -. Adesso è il momento di attuare un piano di rientro su larga scala per minimizzare il fenomeno».

Di fatto l’ammanco di denaro dalle casse comunali inizia a diventare preoccupante per il Comune guidato dal sindaco Ciro Buonajuto. Una preoccupazione che diventa fondata quando si inizia a parlare di dissesto finanziario che in questo caso scatterebbe proprio a causa dei 20 milioni di euro di debiti fuori bilancio.

La vera certezza della vicenda è che ancora una volta a Ercolano la discussione si basa sul pagamento della Tari. Infatti, negli ultimi anni la crisi rifiuti nella città degli Scavi non è mai stata contenuta in maniera adeguata e a testimoniare ci sono i rioni che sprofondano sotto il peso della spazzatura e in particolare le periferie che appaiono abbandonate a sé stesse.

A oggi purtroppo esistono ancora quartieri dove è possibile imbattersi in materassi abbandonati sul ciglio della strada, cumuli di rifiuti come mini discariche e anche materiali di risulta, in particolare nelle stradine ai piedi del Vesuvio. E insomma, i cittadini di Ercolano non sono contenti di mettere mano al portafoglio per pagare l’imposta, tanto che a farlo sono in pochi perché una grossa fetta di residenti invece, evade semplicemente la tassa. @riproduzione riservata

CRONACA