Elezioni a Vico Equense, il sindaco Buonocore punta al bis

Salvatore Dare,  

Elezioni a Vico Equense, il sindaco Buonocore punta al bis

Il dado appare ormai definitivamente tratto. Andrea Buonocore sta lavorando sodo per mettere in piedi la strategia giusta e ricandidarsi alla carica di sindaco di Vico Equense alle prossime elezioni Comunali. Il primo cittadino uscente può contare anche sull’apporto dell’ex fascia tricolore ed attualmente consigliere regionale dell’Udc Gennaro Cinque che già cinque anni fa, a poche ore dalla presentazione delle liste e dei simboli, fece cambiare in corsa l’idea alla maggioranza che inizialmente aveva fatto quadrato sulla figura di Franco Lombardi, il quale fu messo da parte come candidato salvo essere nominato vicesindaco blindato per cinque anni consecutivi. In maggioranza appare esserci comunque la volontà di riflettere e valutare se vi sono ulteriori chance per altri big che potrebbero decidere di mettere in discussione la figura di Buonocore. Ma è uno scenario che col passare dei giorni è destinato a perdere consistenza e colpi. Anche perché il fattore Cinque, è alquanto evidente, può risultare decisivo nelle dinamiche interne di un’amministrazione che non ha mai lasciato. Nominato assessore ai lavori pubblici da Buonocore, Cinque – una volta eletto in consiglio regionale con una candidatura andata a segno – è stato nel frattempo nominato componente della cabina di regia che, a titolo gratuito, collabora con il primo cittadino e la giunta. E Cinque in effetti sta proseguendo a interessarsi di temi quali lavori pubblici, manutenzione ed ecologia che già nelle vesti di sindaco prima e assessore poi seguiva in prima persona. Sull’altro fronte ormai è ufficiale la rottura dell’alleanza politica tra il gruppo di minoranza riconducibile all’ex consigliere comunale Maurizio Cinque – sconfitto al ballottaggio cinque anni fa per appena trentadue preferenze personali – e la corrente che fa capo all’avvocato Ciro Maffucci. Non verrà replicato quindi l’esperimento politico del 2016 che comunque sfiorò il successo elettorale, con l’apporto – non ufficiale – del candidato di Forza Italia, Giuseppe Russo, allora indicato anche dall’ex consigliere regionale forzista Flora Beneduce. Bisognerà capire cosa farà anche il Partito democratico di Vico Equense. Il circolo cittadino, guidato dal segretario locale Tommaso de’ Gennaro, vuole assolutamente rimediare alla magra figura di cinque anni fa quando i dem vennero esclusi dalla competizione elettorale dopo aver anche “tradito” Maurizio Cinque. Inizialmente sostenitore di Cinque, in corso d’opera, a poche ore dalla presentazione delle liste, il Pd cittadino – con l’allora segretario Franca Rossi – scelse di appoggiare Buonocore. Appare evidente che il Pd di Vico Equense sarà in campo in alternativa all’amministrazione uscente e quindi a Cinque e Buonocore. Nomi di candidati per ora non se ne fanno. Chi è già uscito allo scoperto è l’avvocato Giuseppe Dilengite, ex sindaco di Vico Equense, che mira a prendere parte alle Comunali.

CRONACA