Follia a Torre del Greco, ragazzini stesi davanti alle auto in corsa. La sfida alla morte per un like sui social

metropolisweb,  

Follia a Torre del Greco, ragazzini stesi davanti alle auto in corsa. La sfida alla morte per un like sui social

Stesi sull’asfalto ad attendere le auto in corsa con l’obiettivo di spostarsi solo all’ultimo secondo. Una terribile e pericolosa sfida alla morte. È questa l’ultima follia che arriva da Torre del Greco, dove gli investigatori della polizia di Stato, agli ordini della prima dirigente Antonietta Andria, e i carabinieri  si sono ritrovati di fronte a uno scenario surreale. Le forze dell’ordine, in seguito a diverse denunce e segnalazioni giunte nelle scorse ore, hanno accertato che un gruppetto composto da circa dieci giovanissimi, venerdì sera nei pressi di viale Campania, hanno sfidato il destino con l’ultima folle challenge che probabilmente arriva dal web. Un  “gioco” pericoloso che prevede di stendersi in strada e attendere le auto, per poi cercare di evitare l’impatto alzandosi solo qualche istante prima dell’arrivo del veicolo in corsa. Il tutto probabilmente poi finisce sui social e in particolare su Tik Tok, il portale finito al centro di polemiche proprio per le challa enge della morte.  A denunciare l’accaduto a Torre del Greco è stata una cittadina che incredula ha assistito alla terribile scena. La donna ha poi immediatamente allertato le forze dell’ordine. Sul posto sono arrivati sia i carabinieri che i poliziotti ma i giovani alla vista delle divise si sono rapidamente dileguati e hanno fatto perdere le proprie tracce. I carabinieri sono rimasti sul posto per evitare che i ragazzini ripetessero la folle sfida. Per prevenire nuovi episodi simili, ieri sera una pattuglia della polizia ha pattugliato la zona in cerca dei ragazzini. Al momento gli investigatori lavorano a tante ipotesi. La più accreditata è quella di una folle bravata. Ma non si escluse nemmeno che si tratti dell’ennesima folle sfida che arriva dai social e mette in pericolo la vita dei giovani. Il rischio dunque è troppo alto e come hanno garantito le forze dell’ordine i controlli del caso saranno serrati e costanti. Non sarà lasciato nulla al caso. Secondo la ricostruzione dei fatti fornita alle forze dell’ordine sembrerebbe che il gruppetto di ragazzini intorno alle 21 di venerdì sera abbia raggiunto viale Campania. Una volta arrivati lì, alcuni ragazzini si sono sdraiati sull’asfalto e hanno atteso le auto. Pochi metri prima che i veicoli li raggiungessero si scansavano, il tutto, fortunatamente, senza conseguenze. Diverse le segnalazioni giunte ai centralini di polizia e carabinieri e tutte che ripetevano la stessa versione. Da qui poi sono partite le indagini che proseguono ancora. L’obiettivo è quello di evitare il ripetersi della follia anche perché a commettere questo folle gesto, secondo la denuncia, sarebbero ragazzini di circa dodici anni. Bambini che giocano in strada sfidando il brivido di scansarsi all’ultimo da un veicolo che sfreccia, con il rischio di finire travolti. Episodi inquietanti specie dopo la tragedia della piccola Antonella, la bambina di appena 10 anni morta a causa di una challenge mortale a Palermo.

CRONACA