Castellammare. Pretese soldi e tablet in regalo per aggiustare una verifica fiscale: finanziere condannato

Tiziano Valle,  

Castellammare. Pretese soldi e tablet in regalo per aggiustare una verifica fiscale: finanziere condannato

Duemila euro in contanti e un tablet in regalo per chiudere un occhio su una verifica fiscale. Una richiesta avanzata da un ex maresciallo della guardia di finanza, Stanislao De Falco, a un imprenditore di Castellammare nel 2012. Le indagini portarono all’arresto del militare con l’accusa di concussione, ma a distanza di anni da quella vicenda è proprio il corpo delle fiamme gialle a chiedere il conto per il danno d’immagine causato dalla sua condotta.

Una tesi confermata sia in primo grado che in Appello dalla Corte dei Conti, che ha condannato il finanziere a risarcire quasi 14mila euro, la metà dello stipendio percepito in quell’anno.La vicenda, come detto, risale al 2012, quando il maresciallo della guardia di finanza bussò alla porta di un imprenditore che chiese contributi per il settore della pesca.

Il militare impegnato nell’accertamento affermò che nella domanda di finanziamento era stato dichiarato il falso, ma sarebbe stato disposto a chiudere un occhio in cambio di 2mila euro in contanti e un Ipad. L’imprenditore, sicuro di non aver commesso alcun reato, decise di rivolgersi alle forze dell’ordine e denunciare il finanziere.

Da quel momento scattarono le indagini a carico del maresciallo, che riuscirono ad accertare come il militare avesse avanzato più volte richieste di denaro all’imprenditore.Oltre alle ripercussioni penali per la sua condotta, il finanziere fu sottoposto anche a un procedimento disciplinare che si concluse con la sanzione della perdita del grado per rimozione. Inoltre la Procura Regionale, proprio sulla scorta della denuncia della Guardia di Finanza, pretese dal militare un risarcimento da 13mila euro per il danno da disservizio. Una richiesta accolta in primo grado dalla Corte dei Conti e confermata nei giorni scorsi, dalla prima sezione d’Appello.

CRONACA