Covid: diversi comuni del Salernitano rinviano il ritorno in classe

Redazione,  

Covid: diversi comuni del Salernitano rinviano il ritorno in classe

Sono molti i sindaci della provincia di Salerno che hanno deciso di rinviare il ripristino della didattica in presenza nei propri comuni. A Cava de’ Tirreni il primo cittadino Vincenzo Servalli ha sospeso le attività didattiche in presenza dal 7 al 10 aprile e disposto la chiusura delle ludoteche fino a domenica 11 aprile. Stessa decisione è stata presa dal comune di Sarno al fine di “monitorare e verificare i dati della settimana in corso e l’andamento della curva dei contagi”.

Niente didattica in presenza fino al 17 aprile nel comune di Postiglione dove “negli ultimi giorni si sono registrati focolai con consistente incremento dei casi di contagio da Covid 19”. A Santa Marina, invece, la sospensione della didattica in presenza fino al 10 aprile riguarderà soltanto le scuole del capoluogo. Niente ritorno in aula fino al 10 aprile anche a Sanza, Caggiano e Vietri sul Mare. A Sassano e Montesano sulla Marcellana il divieto di svolgere didattica in presenza resterà in vigore fino al 13 aprile, mentre a Roccadaspide l’ordinanza sarà valida fino al 21 aprile.

A Minori, invece, le scuole riapriranno regolarmente ma il sindaco Andrea Reale ha disposto test antigenici a campione su base volontaria da somministrare agli alunni in locali extrascolastici. A Scafati, inoltre, sarà garantito un potenziamento dei servizi di vigilanza e sicurezza in prossimità degli ingressi degli istituti scolastici grazie all’impiego di nove dei sedici percettori del reddito di cittadinanza che, selezionati nell’ambito dei progetti di pubblica utilità, garantiranno un supporto agli agenti della Polizia locale.

CRONACA