Controlli alto impatto, 3 arresti e 6 denunce nel Napoletano. I carabinieri sospendono anche festa privata con 21 persone

Redazione,  

Controlli alto impatto, 3 arresti e 6 denunce nel Napoletano. I carabinieri sospendono anche festa privata con 21 persone

TORRE ANNUNZIATA – Tre arresti, sei persone denunciate e una festa abusiva interrotta. È il bilancio di ampio servizio ”alto impatto” eseguito dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata, supportati dai militari del decimo reggimento Campania, tra Torre Annunziata e nei territori limitrofi. Proprio nella città oplontina un uomo di 44 anni è stato arrestato in esecuzione di un provvedimento emesso dalla procura generale presso la Corte d’Appello di Perugia: l’uomo dovrà scontare in carcere una pena di oltre sei anni per reati in materia di stupefacenti commessi dal 2007 al 2016. A Poggiomarino, un uomo di 37 anni è stato arrestato in ottemperanza di un decreto emesso dalla Procura di Salerno, per le numerose violazioni ai divieti imposti, accertate dai militari, durante il periodo di affidamento in prova ai servizi sociali. Diversi i posti di controllo svolti a Boscoreale.

Qui i militari hanno arrestato un trentaseienne, in esecuzione di un ordine della Procura di Napoli Nord: l’uomo deve scontare una pena detentiva per atti persecutori e lesioni personali. Un cittadino ucraino di 24 anni è stato invece denunciato dopo essersi rifiutato di sottoporsi al test per la verifica del tasso alcolemico dopo essere stato controllato dai carabinieri a bordo della propria auto. Nell’ambito dei controlli sulle occupazioni abusive degli immobili di edilizia popolare, una donna di 40 anni è stata denunciata per invasione di edifici, dopo che è stata accertata l’occupazione irregolare di un appartamento di edilizia popolare.

A San Giuseppe Vesuviano, durante un controllo stradale, due extracomunitari di 20 e 45 anni sono stati denunciati per non aver voluto esibire un documento di identificazione e per soggiorno illegale nel territorio italiano. A Striano, i militari hanno denunciato una persona di 62 anni perché aveva realizzato un allaccio fraudolento alla pubblica rete per alimentare i fabbisogni energetici della propria abitazione; denunciato anche un ventinovenne che, durante un posto di controllo, ha rifiutato l’accertamento del proprio tasso alcolemico.

Novantacinque in tutto le persone identificate e 62 i veicoli controllati. Nel corso dell’intero servizio sono state elevate tredici contravvenzioni al codice della strada. Ventuno invece le persone sanzionate dopo essere state sorprese ad una festa privata per un compleanno, organizzata in un’abitazione, dove diversi componenti di nuclei familiari non conviventi si erano assembrati, senza che venisse utilizzato alcun dispositivo di protezione individuale

CRONACA