Hotel della penisola sorrentina Covid free, da lunedì apre l’hub vaccinale per i dipendenti: 400 dosi al giorno

Salvatore Dare,  

Hotel della penisola sorrentina Covid free, da lunedì apre l’hub vaccinale per i dipendenti: 400 dosi al giorno

Hotel della penisola sorrentina Covid free nel più breve tempo possibile così da far ripartire il settore ricettivo e offrire sicurezza ai turisti. È l’obiettivo del progetto che prevede l’allestimento di un hub vaccinale di Federalberghi penisola sorrentina in collaborazione con l’Asl Napoli 3 Sud in virtù di un protocollo firmato con la Regione Campania. Il centro sarà attivo già da lunedì presso l’hotel Vesuvio di Sorrento. Intanto, oggi a Capri, ci sarà una visita del presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca per “festeggiare” l’immunizzazione dell’intera isola azzurra.Vaccini in hotelQuella di immunizzare i dipendenti delle imprese turistiche della penisola sorrentina è un’opportunità che si lega al piano vaccinale del governo che prevede somministrazioni aziendali. Federalberghi, col presidente Costanzo Iaccarino, si è attivata con Asl e Regione sottoscrivendo il protocollo. L’hub vaccinale, la prima di carattere privato in tutt’Italia, sarà ospitata presso il centro congressi dell’hotel Vesuvio e sarà dotata di quattro box presso i quali si potrà somministrare il siero a un massimo di 400 persone al giorno nell’arco di 12 ore. Le spese saranno a carico dell’associazione. Da lunedì a venerdì della prossima settimananell’hub saranno innanzitutto vaccinati 1.300 ultrasessantenni già convocati dalla Regione. A partire da sabato prossimo, invece, prenderà il via la campagna di immunizzazione del personale delle imprese alberghiere. Responsabile della struttura sarà Giuseppe Coppola, consulente di Federalberghi. «Lo scopo è dare impulso alla campagna vaccinale in modo tale da rendere il territorio Covid free nel più breve tempo possibile – dice Iaccarino – In quest’ottica abbiamo messo il nuovo hub a disposizione non solo del personale delle imprese alberghiere locali, ma anche degli altri residenti che hanno già chiesto di essere immunizzati». Entusiasta Gennaro Sosto, direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud: «L’attivazione del nuovo hub vaccinale ci consentirà di imprimere un’ulteriore accelerazione alla campagna contro il Covid e l’azienda garantirà il massimo impegno come ha già fatto fino a questo momento». Per il sindaco di Sorrento Massimo Coppola «si tratta di un esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato che si traduce in evidenti vantaggi a favore della collettività». La fornitura dei vaccini sarà a cura del servizio sanitario regionale, in base alla disponibilità. Ovviamente, per evitare furbi, si procederà a somministrare il siero soprattutto a dipendenti (ovviamente pure non residenti) contrattualizzati in continuità, alla luce anche degli elenchi delle aziende degli ultimi anni.Capri Covid freeIntanto oggi alle 12 il governatore De Luca è atteso in piazzetta a Capri per un incontro pubblico coi sindaci isolani. Lo sbarco del presidente della Regione sancirà la conquista dello status di “isola covid free” che Capri ha raggiunto insieme a Procida. Un’iniziativa, quella della vaccinazione delle isole, che è stata estesa ad altre piccole comunità insulari dando così supporto alla bontà di quanto varato dalla Regione Campania. «Dopo tante polemiche – ha detto ieri De Luca – ora sono tutti d’accordo sulla necessità di vaccinare le piccole isole. Prendiamo atto con soddisfazione che oggi sono d’accordo tutti quanti sulla necessità di immunizzare le isole, ci fa piacere. Avevamo deciso di fare questa scelta sia per ragioni sanitarie sia per ragioni di promozione internazionale del turismo campano. Qualche mese fa, quando abbiamo comunicato questo obiettivo della Regione Campania, vi sono state polemiche a non finire – ha ricordato – Bene, prendiamo atto con soddisfazione che ora sono d’accordo tutti sulla necessità di immunizzare le isole. Abbiamo fatto un ragionamento di buon senso, cioè che il comparto chiede decisioni immediate perché se andiamo oltre maggio perdiamo una stagione turistica». A Capri ed Anacapri in queste ore la somministrazione dei vaccini è stata estesa anche ai non residenti, ovvero a lavoratori e collaboratori impiegati stabilmente in imprese e aziende turistiche dell’isola.

CRONACA