Nessuna azienda presenta l’offerta, il campo per i bimbi di Poggiomarino rischia di svanire

Andrea Ripa,  

Nessuna azienda presenta l’offerta, il campo per i bimbi di Poggiomarino rischia di svanire

A gennaio scorso la gara indetta dal Comune per il campo polivalente coperto adiacente alla scuola media di via Enzo Giuliano aveva spinto i vertici della squadra di governo a esultare per aver «sbloccato» un vecchio progetto che rischiava di finire in cantina. Il risultato di gara oggi potrebbe ulteriormente allungare i tempi di realizzazione dell’opera. Così la promessa annuncia di costruire il campetto entro la fine dell’anno in corso potrebbe già svanire. Il campetto dei bimbi di Poggiomarino con annessi spogliatoi rischia di trasformarsi in un’opera maledetta. Nei giorni scorsi i funzionari hanno espletato le procedure della gara di gennaio scorsi nel corso del quale l’amministrazione aveva invitato a partecipare 10 aziende del territorio, scelte per la costruzione del campo polivalente nei pressi della scuola media De Filippo di via Enzo Giuliano tra le 43 che in tutto avevano fatto richiesta di poter prendere parte al bando. Un appalto finanziato dal Coni, attraverso il Credito Sportivo, per oltre 700mila euro messi a disposizione della squadra di governo locale. Al controllo delle offerte pervenute l’amara scoperta: nove delle dieci aziende invitate dall’amministrazione di piazza De Marinis a realizzare l’opera non hanno pensato di proporre alcuna offerta per il campo coperto annesso alla scuola. Solo una ditta – la Edil Nuova di Angelo Bifulco – ha presentato un plico contenente l’offerta di partecipazione alla gara. Ma all’esito degli esami da parte dei funzionari, anche questa azienda è stata esclusa dal progetto. «La Edil Nuova ha dichiarato di voler subappltare le due categorie super specialistiche al 100% e perciò contravvenendo ai limiti imposti dalla normativa vigente in materia. – si legge nella relazione dei funzionari del municipio poggiomarinese – Inoltre l’azienda è in possesso della Soa per detta categoria (un’attestazione necessaria per poter eseguire i lavori, ndr) ma non possiede la classifica corrispondente all’importo complessivo per la gara». Pertanto l’azienda è stata esclusa. Risultato finale: ad oggi nessuna delle dieci aziende scelte tra le 43 che avevano risposto al bando eseguirà i lavori. Allungando di fatto i tempi di realizzazione dell’opera. Ora per l’amministrazione comunale di Poggiomarino la costruzione del campo polivalente per i bambini della scuola De Filippo s’è già trasformato in una corsa contro il tempo. Per l’Ente bisognerà ripetere le procedure. Dopo l’esclusione delle prime dieci aziende dall’elenco delle 43 inizialmente partecipanti, i funzionari dovranno sorteggiare altre dieci aziende per invitarle a prendere parte alla realizzazione di un progetto che prende forma sotto la gestione commissariale, fu il prefetto ad approvare gli atti un anno fa.

CRONACA