«The Peppy Night Fest». Ironia, satira e attualità nel nuovo show di Peppe Iodice

Redazione,  

«The Peppy Night Fest». Ironia, satira e attualità nel nuovo show di Peppe Iodice
Foto Salvatore Gallo Ag.Foto&Fatti

Non è solo comicità quella di Peppe Iodice. E’ anche ironia, satira, stretta attualità condita da riflessioni profonde celate dietro quei sorrisi strappati con una battuta. «The Peppy Night Fest» è il programma di rilancio scelto per la prima serata da Canale 21 per offrire al pubblico una parentesi di svago che coincide con la ripresa della vita che lentamente si lascia alle spalle l’incubo del Covid e i numeri bui della pandemia. Si può asserire senza ombra di dubbio che sul palco del teatro Troisi s’è celebrato un matrimonio indovinato tra spettacolo e divertimento, che Peppe Iodice ha centrato un obiettivo per nulla scontato, considerando la programmazione delle grandi reti nazionali, e che l’artista partenopeo ha dimostrato di aver raggiunto una maturità eccellente che lo pone al centro dei riflettori in un ruolo che riesce a reggere senza balbettare mai. Allegria, comicità, musica, ma soprattutto una carrellata di ospiti. Da Paolantoni a Stefano Di Martino, da Simone Schettino ai Ditelo Voi. E poi i “colpi” Antonio Bassolino e Catello Maresca. Accanto a Peppe Iodice ci sono Francesco Mastandrea, Francesco Procopio e Daniele Decibel Bellini.«E’ un momento particolarmente difficile per il Paese e per il mondo intero e visto che siamo diventati esperti di varianti dico che il nostro format è un po’ come quella variante positiva in grado di accantonare per qualche ora la malinconia». La variante comica è la medicina giusta per lasciarsi alle spalle le tragedie, il che non significa dimenticarle. «La comicità serve a rigenerarsi, a guardare avanti con fiducia, serve a restituire il sorriso. E se ci riusciamo ne siamo fieri ed orgogliosi». The «Peppy Night Fest» è un programma ideato e scritto da Lello Marangio in collaborazione con lo stesso Peppe Iodice, la sintesi di una collaborazione fortunata che stavolta s’intreccia coi testi di Marco Critelli. La regia teatrale è affidata a Francesco Mastandrea, quella televisiva è di Stefano Traditi. Preziosa la collaborazione produttiva di Pino Oliva, patron del Teatro Troisi, della Malfi Music di Claudio Malfi e dell’editore di Canale 21, Paolo Torino.

CRONACA