Capri, svolta per i turisti. Riapre la Grotta azzurra

Marco Milano,  

Capri, svolta per i turisti. Riapre la Grotta azzurra

A Capri riapre la Grotta Azzurra, biglietti on line per i Giardini di Augusto e nei prossimi giorni torna visitabile anche Villa Jovis. L’isola covid free presa letteralmente d’assalto nell’ultimo weekend di maggio con pienone negli alberghi e nelle strutture ricettive, sia di Capri che di Anacapri, rimette in marcia anche il circuito culturale e turistico. E così dopo la Certosa di San Giacomo riaperta il mese scorso, la Direzione regionale Musei Campania, ha annunciato il “ritorno” dell’antro più famoso del mondo, dalle acque blu cobalto che da ieri ha accolto i primi visitatori mentre nei prossimi giorni a tornare in attività sarà anche Villa Jovis. «Le visite alla Grotta Azzurra saranno effettuate secondo un rigoroso protocollo di sicurezza – ha fatto sapere la direzione dei Musei Campania – nel rispetto delle disposizioni». La dimora più importante delle dodici ville isolane dell’imperatore Tiberio, invece, dovrebbe riaprire nei primi giorni di giugno consentendo, così, di nuovo a turisti e appassionati di percorrere spazi e aree dove si sono consumati i pensieri e le gioie dell’imperatore che trasferì sull’isola il suo quartier generale e proprio dall’alto di quel monte che oggi porta il suo nome prendeva le decisioni che hanno caratterizzato la storia dell’impero più importante di tutti i tempi. E sempre nell’ambito degli interventi in ottemperanza agli attuali protocolli che da martedì prenderà avvio la biglietteria “de-materializzata” per i Giardini di Augusto, i giardini che ospitano la “collezione” delle più belle specie della flora caprese e che sovrastano dall’alto la suggestiva via Krupp, che “intagliata” nella roccia conduce sino alla Torre Saracena. I ticket con il nuovo sistema potranno essere acquistati unicamente in modalità online collegandosi ad un apposito sito e ottenendo un biglietto elettronico. A proposito di sicurezza è stata installata una barriera galleggiante davanti alla Grotta Verde, che, come la “sorella maggiore”, la Grotta Azzurra, deve il nome al colore del suo specchio acqueo interno. Il dispositivo a tutela dell’incolumità di bagnanti e diportisti è stato posizionato per interdire l’avvicinamento dei natanti in un’area di mare da tempo interessata dal pericolo di frane. Ritrova la libertà in mare, dopo un periodo di ricovero e riabilitazione, la tartaruga caretta caretta “Spring” che era stata recuperata nelle acque isolane. “Tutti a Capri”, infine, è lo slogan scelto da Gianluigi e Guido Lembo per annunciare da martedì la riapertura della taverna “Anema e Core”.

CRONACA