Castellammare. Violazioni delle norme anti-Covid: multe e chiusura per 5 giorni del mercato ortofrutticolo

Tiziano Valle,  

Castellammare. Violazioni delle norme anti-Covid: multe e chiusura per 5 giorni del mercato ortofrutticolo

Cinque giorni di chiusura del mercato ortofrutticolo di via Virgilio, undici operatori sanzionati con altrettante multe da 400 euro. E’ il bilancio dell’operazione condotta dalla polizia municipale di Castellammare, che ha effettuato un vero e proprio blitz per verificare il rispetto delle norme igienico-sanitarie e anti-Covid.I vigili urbani, guidati dal comandante Antonio Vecchione e dal tenente Donato Palmieri, sono entrati in azione alle tre di notte, nell’ambito di controlli che già da mesi stanno interessando le attività commerciali e imprenditoriali della città.All’arrivo, gli agenti hanno subito cominciato a notare alcune violazioni, come le casse della frutta poggiate a terra o lo scambio di soldi senza guanti prima di toccare la merce, come purtroppo avviene spesso anche in molti negozi di alimentari.

Ma soprattutto i vigili hanno accertato che molte persone non indossavano la mascherina, così come previsto dalle norme anti contagio. In un momento in cui la città sembra intravedere la luce in fondo al tunnel, con il numero di positivi al virus che si abbassa sempre più, la polizia municipale sta cercando di alzare il livello dei controlli per evitare un nuovo aumento dei contagi.Per questo motivo, undici operatori del mercato ortofrutticolo sono stati sanzionati con multe da 400 euro a testa e sono stati affissi i sigilli alla struttura che dovrà restare chiusa per cinque giorni.I controlli dei vigili urbani, però, si sono concentrati anche su alcuni problemi strutturali del mercato di via Virgilio, in particolare per quanto riguarda l’aspetto igienico-sanitario. Il verbale con le criticità rilevate è stato inviato alla Prefettura di Napoli.C’è da dire, per quanto riguarda il mercato ortofrutticolo, che più volte nel corso degli anni si è discusso della possibilità di trovare una collocazione diversa, in periferia, per ospitare gli operatori ed evitare che i camion siano costretti a passare nella stradina stretta del centro cittadino.

Anche perché per quell’area di via Virgilio c’è già da tempo un progetto per realizzare una piazza e un parcheggio, per alleggerire il traffico a ridosso del lungomare. Non a caso, già negli ultimi anni, gli spazi del mercato ortofrutticolo sono stati utilizzati come area di sosta nelle ore pomeridiane e serali, in concomitanza dell’istituzione di zone a traffico limitato. Una scelta che potrebbe essere ripetuta anche per questa estate.Ma se questo è il progetto per l’area di via Virgilio, c’è da dire che non è mai stato avviato un discorso concreto invece per la delocalizzazione di un mercato ortofrutticolo, che seppur poco valorizzato continua a garantire lavoro a decine di famiglie e potrebbe favorire anche nuove opportunità occupazionali.Un tema che potrebbe riproporsi proprio a seguito del blitz dei vigili urbani, che hanno riscontrato alcune carenze dal punto di vista igienico-sanitario.

CRONACA