Tenta la rapina alle poste di San Giuseppe Vesuviano, poi scappa a mani vuote: caccia al bandito

Andrea Ripa,  

Tenta la rapina alle poste di San Giuseppe Vesuviano, poi scappa a mani vuote: caccia al bandito
L’ufficio postale preso d’assalto a San Giuseppe Vesuviano

Una tentata rapina all’ufficio postale di via Passanti a San Giuseppe Vesuviano, nel rione Casilli alla periferia della città. Un uomo, armato di cacciavite e col volto coperto, avrebbe tentato di portare via soldi e titoli minacciando gli impiegati dell’ufficio periferico della città vesuviana. La reazione degli stessi avrebbe però messo in fuga l’uomo che sarebbe scappato facendo perdere, in poco tempo, le proprie tracce. Impossibile provare a ricostruire i movimenti del rapinatore né tantomeno cercare di mettere insieme una sorta di identikit del rapinatore solitario. Sulle sue tracce, da ieri mattina, stanno lavorando le forze dell’ordine che avrebbero anche cercato di capire quali siano stati gli ultimi spostamenti dell’uomo. L’attenzione degli inquirenti si sta concentrando soprattutto sulle telecamere di sorveglianza dell’ufficio postale e sulle testimonianze di chi ha visto l’uomo muoversi con fare circospetto nelle zone limitrofe. Le forze dell’ordine hanno anche ascoltato i dipendenti che hanno messo in fuga l’uomo dopo il colpo tentato e poi fallito nel tentativo di provare a carpire dettagli utili a dare un volto e un nome all’uomo che ha terrorizzato clienti e dipendenti dell’ufficio postale di via Nazionale Passanti. Una rapina figlia di una tensione sociale che negli ultimi mesi è salita alle stelle e legata sicuramente all’emergenza economica che si lega a doppio filo con quella sanitaria. La crisi successiva alla pandemia sta facendo salire l’attenzione da parte delle forze dell’ordine preoccupate per l’azione di banditi e criminali alla ricerca di soldi facili. Sono numerosi i raid di questo genere consumatisi proprio nelle ultime settimane in un territorio come l’hinterland vesuviano dopo la pandemia ha avuto un contraccolpo più forte che altrove.       (pico)

CRONACA