Ibiza, 28enne campano ferito a colpi d’arma da fuoco. Migliorano le sue condizioni

Redazione,  

Ibiza, 28enne campano ferito a colpi d’arma da fuoco. Migliorano le sue condizioni

Sono “in miglioramento” le condizioni di salute del 28enne italiano rimasto gravemente ferito da colpi d’arma da fuoco nella notte tra venerdì e sabato a Ibiza, durante una festa in una villa in affitto. Lo conferma la clinica privata dell’isola spagnola Policlínica Nuestra Señora del Rosario, dove il giovane — che si chiama Antonio Amore ed è campano, secondo quanto confermato dalla Guardia Civil — è stato sottoposto sabato a un intervento d’urgenza di circa sei ore per tre ferite gravi alla testa e tre a una gamba. “Il paziente rimane in terapia intensiva”, spiega una nota della clinica, ma “è cosciente”, “non e più intubato” e “non ha più bisogno di respirazione assistita”; inoltre, anche le condizioni della sua gamba ferita “migliorano nonostante la gravità delle lesioni”. Secondo il giornale locale Diario de Ibiza, le sue prime parole ai medici che l’hanno assistito, dopo il risveglio, sarebbero state: “Sono vivo? Sono morto?”. Per questa aggressione è stato arrestato un altro italiano, identificato dalla Guardia Civil come il 33enne Michele Guadagno, costituitosi domenica mattina. La prima ipotesi degli inquirenti spagnoli è che l’uomo, anche lui campano, abbia sparato ad Amore dopo una lite per gelosia. Un terzo italiano, un 35enne, è rimasto lievemente contuso nelle stesse circostanze. Il giornale Periódico de Ibiza afferma che la Guardia Civil ha mantenuto aperte le indagini nelle ultime ore e che si attende che Guadagno venga interrogato da un giudice.

CRONACA