Il rifiuto di Baldini spiazza la Juve Stabia

Michele Imparato,  

Il rifiuto di Baldini spiazza la Juve Stabia

Silvio Baldini non allenerà la Juve Stabia. L’allenatore toscano ha declinato la proposta del club di Andrea Langella dopo più di una settimana di trattative. Appena giovedì scorso, infatti, Silvio Baldini è stato a Castellammare a pranzo con i dirigenti delle Vespe. Una toccata e fuga in compagnia della moglie per visitare la città stabiese. Poi, dopo aver ascoltato nei dettagli l’offerta della Juve Stabia Baldini si è congedato con un: «ci devo pensare e vi farò sapere».
Ieri la chiusura della trattativa quando Silvio Baldini ha fatto sapere di non voler accettare spiazzando la Juve Stabia che ha sempre sperato nel sì del toscano.
«E’ vero, la Juve Stabia mi ha fatto una proposta concreta e hanno fatto di tutto per convincermi ad affrontare la nuova stagione con loro. Abbiamo parlato, sono stato a Castellammare di Stabia ed è una città straordinaria. Mi ha fatto piacere avere avuto l’opportunità di conoscere, e li ringrazio tutti, il presidente Andrea Langella, il socio Giuseppe Langella e l’amministratore Avvocato Vincenzo Todaro oltre a rivedere il mio amico, il direttore Giuseppe Pavone. Purtroppo non posso accettare, pur avendo avuto l’opportunità di ascoltare le ambizioni societarie. Dopo la mia ultima esperienza, ho deciso di prendermi un periodo di pausa, che non so quanto potrà durare, ma mi ha spinto a rinunciare così alla possibilità di poter fare un’esperienza in una città bella come Castellammare di Stabia. Auguro alla Juve Stabia ogni bene possibile e farò il tifo per loro, con la speranza che i progetti societari possano essere tutti raggiunti».
Queste sono le dichiarazioni di Baldini in cui l’allenatore ha proo a motivare il suo rifiuto.
Una scelta che spiazza la società di Langella che, prima del rifiuto, aveva puntato tutto su Baldini. Adesso il ds Pavone e la proprietà si ritrovano costretti a cambiare obiettivo. Si è tornata a battere qualche vecchia pista come quella di Boscaglia. L’ex allenatore del Palermo è stato contattato prima di Baldini dando anche una sorta di disponibilità ma c’è un problema. Boscaglia ha ancora un anno di contratto con il Palermo e deve prima liberarsi per poter dire sì alla Juve Stabia. La cosa potrebbe richiedere tempi non brevi.
Oltre a Boscaglia nel frattempo Aimo Diana ha trovato una nuova squadra accettando la Reggiana, appena retrocessa dalla B. Un nome che torna d’attualità è quello di Marchionni. L’allenatore del Foggia ha fatto un buon lavoro coi pugliesi che hanno ottenuto la qualificazione ai playoff da promossi in Lega Pro.
La sua candidatura è salita nelle ultime ore anche perchè quello di Marchionni è un profilo che piace alla Juve Stabia. Il ds Pavone sta guardando a 360 gradi qualsiasi soluzione.Partendo da allenatori navigati come Baldini e Boscaglia finendo a quelli giovani.

CRONACA