Cantiere-lumaca a San Giuseppe Vesuviano, la pista ciclabile è già in ritardo

Andrea Ripa,  

Cantiere-lumaca a San Giuseppe Vesuviano, la pista ciclabile è già in ritardo

Alla prima tappa la carovana di operai che sta lavorando alla realizzazione della pista ciclabile tra San Giuseppe Vesuviano e Torre Annunziata appare già in forte ritardo sulla tabella di marcia. Il primo lotto, quello relativo alla città di San Giuseppe Vesuviano, doveva essere completato entro marzo. Siamo a giugno e la fine dei lavori in quella zona – complici gli stop forzati e le “possibili variazioni” – resta ancora un mistero. Ma non è l’unico intoppo sorto nelle ultime settimane per la realizzazione dei lavori da otto milioni di euro messi in campo dalla Regione Campania per unire il Vesuvio e la costa di Oplonti.

Non bastavano i rifiuti interrati che a ogni metro vengono portati alla luce dalle squadre di operai, e di cui bisognerà provvedere allo smaltimento, ammesso che nel capitolato siano previsti fondi per il trattamento di quelle discariche, i problemi che hanno rallentato le operazioni di costruzione della pista ciclabile sono all’ordine del giorno. Come quelli sorti alla periferia tra Terzigno e San Giuseppe Vesuviano, con un intero quartiere in rivolta per la possibilità di effettuare lavori di demolizione di un ponte. O come verificatosi in alcuni tratti – sempre a cavallo tra i due comuni – dove gli avvallamenti della pista non erano stati previsti. Lavori che procedono a passo d’uomo, mentre le bici e i runners che prima attraversavano quella lingua di terreno adattata a pista ciclabile hanno appeso le scarpette e i caschi al chiodo da tempo.

Il tratto di San Giuseppe Vesuviano secondo programma doveva essere completato entro la fine di marzo, a giugno l’area di Terzigno. Entro il prossimo mese sarebbe toccato a Boscoreale e poi a Torre Annunziata per il completamento di un’opera attesa da anni e partita con forte ritardo per le beghe giudiziarie relative all’affidamento dei lavori. Di questo passo la data del 14 febbraio 2022, indicata da De Luca come fine dei lavori, rischia di saltare.

La vicenda legata ai ritardi era già emersa nell’ultimo consiglio comunale di San Giuseppe Vesuviano del 20 maggio scorso. Durante la seduta il consigliere di minoranza, Nello De Lorenzo, aveva denunciato i rallentamenti nei lavori. «E’ tutto fermo, ma nessuno della maggioranza si preoccupa di quello che sta accadendo. Siamo in ritardo e non si sa il motivo », aveva spiegato in aula l’ex presidente del consiglio comunale. Colpa anche della questione della variante tra via Di Luggo, via Europa e via Auricchio che attraverserebbe proprio l’opera green. Un pensiero venuto in mente al capo dell’amministrazione comunale che in consiglio comunale non ha mai riferito sulla possibilità di realizzare questo progetto.

Imprevisti sui lavori e rifiuti interrati sotto il terreno, la consegna prevista a febbraio 2022 rischia di saltare

LA PISTA CICLABILE Sulla tabella di marcia i ritardi sono evidente, i lavori a San Giuseppe Vesuviano non sono conclusi.

CRONACA