Torre del Greco, inferno traffico in via Piscopia: «Sosta selvaggia, bus e smog»

Alberto Dortucci,  

Torre del Greco, inferno traffico in via Piscopia: «Sosta selvaggia, bus e smog»

Torre del Greco. L’ultimo a rischiare la vita è stato un professore di filosofia del liceo classico Gaetano De Bottis, centrato in pieno da un autobus dopo essere stato costretto a scendere dal marciapiedi a causa della presenza di un cumulo di rifiuti. «Ma qui ogni giorno dobbiamo incrociare le dita e sperare vada tutto bene», racconta il titolare di un’attività commerciale di via Piscopia, la stretta strada di collegamento tra piazza Luigi Palomba e via Roma.

Perché lungo la caratteristica arteria a due passi dal centro storico di Torre del Greco le quotidiane violazioni al codice della strada non si contano, tra auto lasciate in sosta sul marciapiede e scooter lanciati contromano a folle velocità.

Senza dimenticare i «disagi» provocati dal passaggio dei mezzi di linea dell’Eav e degli Scafati-Napoli: «Nella migliore delle ipotesi – raccontano sempre i commercianti della zona – il traffico veicolare rischia di andare in tilt a causa della presenza di auto parcheggiate in malo modo e capaci di intralciare il regolare transito dei mezzi pesanti».

Con inevitabili pericoli per la salute pubblica: «Siamo invasi dallo smog – sottolineano gli abitanti di via Piscopia – Abbiamo segnalato le criticità alla polizia municipale, ma senza risultati. I controlli sono ridotti all’osso, bisognerebbe risolvere il problema a monte».

Magari ripristinando la «vecchia» soluzione – adottata l’ultima volta a ottobre del 2019, proprio dal comandante Salvatore Visone, in occasione di alcuni lavori di restyling – del divieto di circolazione ai mezzi pesanti. Un dispositivo del traffico già promosso durante il primo mandato da sindaco di Ciro Borriello e capace di decongestionare una zona finita in varie occasioni al centro di proteste proprio per il caos viabilità.

@riproduzione riservata

CRONACA