Turris, Primicile a caccia degli under

metropolisweb,  

Turris, Primicile a caccia degli under

Dopo l’ufficialità di Bruno Caneo proseguono senza sosta i lavori in casa Turris anche per quanto riguarda il settore giovanile. Sarà Rosario Chiaiese a guidare la Primavera corallina nella prossima stagione. Ad affiancarlo ci sarà anche Giuseppe Borrello che ricoprirà il ruolo di direttore sportivo dell’area Primavera: “Stiamo già lavorando per allestire una rosa all’altezza della categoria e della piazza, che merita la dimensione professionistica così come l’attuale proprietà della Turris. La Primavera -dichiarano Chiaiese e Borrello -, nella stagione alle porte, avrà coesione d’intenti e massima sinergia con la prima squadra e lo staff di mister Caneo. Anche il nostro entourage si avvarrà di validi professionisti che, più avanti, presenteremo nel dettaglio”. Il tecnico ha commentato così il suo terzo ritorno con i colori rosso corallo: “Rientro con ancora più soddisfazione sia perché ritrovo la Turris tra i professionisti sia perché torno a rivestire il ruolo che più si sposa col mio background calcistico. Questa chiamata mi inorgoglisce in quanto va a riconoscere il lavoro svolto in passato che, nel caso della Turris, ha anche portato in prima squadra ragazzi cresciuti nel vivaio nel corso della mia precedente gestione tecnica: penso a Fabiano, Esempio, Esposito, lo stesso Brandi”. Nel tardo pomeriggio di oggi ci sarà una conferenza stampa presso il Liguori in cui Colantonio presenterà dettagliatamente tutto lo staff del settore giovanile. Intanto Primicile prosegue il suo incessante lavoro di scouting. Il direttore generale ha assistito alle finali del campionato “Primavera 1” annotando più di qualche ragazzo interessante tra Roma, Atalanta, Juventus ed Empoli. L’obiettivo è quello di riuscire a portare a Torre del Greco qualche gioiellino proveniente da questi settori giovanili in modo da fare sia minutaggio ma soprattutto aprendosi un canale preferenziale con questi club che da anni sfornano talenti con risultati davvero eccellenti.
Bruno Galvan

CRONACA