Boom di contagi, torna l’incubo ad Agerola

Redazione,  

Boom di contagi, torna l’incubo ad Agerola

Altri dieci contagiati, 12 in totale tra venerdì e ieri. Il bollettino diffuso dal Comune è alquanto pesante: al momento, ci sono 24 positivi al Covid 19 con l’incubo di nuovi focolai legati anche a una possibile diffusione della variante indiana che, secondo gli esperti, risulta essere più contagiosa. Di casi del genere, in fondo, l’Asl Napoli 3 Sud ne ha già rilevati e la sensazione è che ad Agerola si possa assistere a un possibile ulteriore aumento dei contagi così come già fa intendere un comunicato stampa diffuso dall’amministrazione comunale. Nella piccola “Svizzera napoletana” dei Monti Lattari, all’improvviso l’incubo Covid. Già la scorsa settimana vennero rilevati nuovi positivi e l’ultimo giro di tamponi in paese ha confermato i timori di una diffusione del coronavirus. Ieri pomeriggio, l’amministrazione ha dato conferma di dieci nuovi contagi, «riconducibili a tre precisi nuclei familiari conviventi». Stando alle informazioni divulgate anche dall’azienda sanitaria locale, «si tratta di soggetti, già in quarantena, in quanto contatti stretti, prima di sottoporsi a tampone». Ma non ci sono troppi misteri: ad Agerola sale la preoccupazione e l’ulteriore allentamento delle misure anti contagio stabilite dal governo e dalla Regione Campania (niente coprifuoco e mascherina obbligatoria in particolari aree del territorio e in condizioni di affollamento) potrebbe finire di complicare le cose. In una nota, il Comune di Agerola – oltre a dare notizia anche dell’avvenuta guarigione di due cittadini risultati positivi nelle scorse settimane – non usa mezzi termini perché «è evidente a tutti la situazione delicata che stiamo attraversando. Il numero di positivi subirà ancora, nei prossimi giorni, un sensibile incremento. Stiamo monitorando, grazie agli uffici comunali, il centro operativo comunale e le autorità sanitarie, le catene di contagio. Stiamo profondendo ogni sforzo per contenere e circoscrivere». Non manca un appello rivolto ai cittadini: «Da soli non possiamo farcela senza un’assunzione di responsabilità collettiva – sottolinea ancora l’amministrazione comunale di Agerola – Abbiamo bisogno di normalità. Possiamo ritrovarla solo prestando attenzione alle misure di precauzione, senza abbassare la guardia. Forza». A inizio settimana, chiaramente, ci saranno ulteriori aggiornamenti alla luce del fatto che l’azienda sanitaria locale e il Comune di Agerola si sono attivati per individuare tutti i contatti stretti dei nuovi contagiati e avviare un capillare tracciamento. L’obiettivo è contenere la diffusione del virus e far sì che la situazione possa restare sotto controllo.

CRONACA