Ercolano, la maggioranza di Buonajuto affossa la proposta di un parco verde a San Vito

Alberto Dortucci,  

Ercolano, la maggioranza di Buonajuto affossa la proposta di un parco verde a San Vito

Ercolano. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ciro Buonajuto tira dritto davanti alle polemiche relative allo sbarco di un’isola ecologica a San Vito e affossa definitivamente la proposta di realizzare un parco verde con area di sgambamento per i cani nell’ex cantiere della Multiecoplast strappato alla camorra. A mettere una pietra tombale sulla vicenda finita al centro di accese discussioni politiche e non sono stati i venti esponenti della maggioranza di corso Resina, pronti a bocciare in consiglio comunale la mozione presentata da Piero Sabbarese – l’ex segretario cittadino del Pd diventato, con scarsa fortuna, il principale avversario dello storico figlioccio dell’ex premier Matteo Renzi – e dall’ambientalista Emilia Dorio.

Il déjà vu in aula

Archiviati gli scontri con la Chiesa – guidata dal prete anti-veleni Marco Ricci della parrocchia del Sacro Cuore di Gesù in via Palmieri – e gli abitanti di un quartiere già martoriato dall’emergenza rifiuti, Ciro Buonajuto & company si sono ritrovati in consiglio comunale per fronteggiare l’ultimo assalto dell’opposizione. Orfani della candidata sindaco Colomba Formisano – assente alla seduta, come già accaduto in occasione del precedente confronto in aula sull’isola ecologica in via Focone – i «superstiti» della minoranza hanno rilanciato l’idea green a San Vito: «Si tratta sostanzialmente della stessa mozione approvata all’unanimità durante la precedente consiliatura – ha sottolineato durante il proprio intervento Piero Sabbarese -. Nell’ultimo anno, poi, l’amministrazione comunale ha cambiato i suoi piani per San Vito: mi auguro possa tornare sui propri passi, perché il quartiere ha bisogno di aree verdi e non di un’isola ecologica per il deposito dei rifiuti».

Il sindaco in cattedra

Dai banchi della maggioranza non si è levata una sola voce per arricchire il confronto in aula. L’unico a replicare alle «ragioni» dell’opposizione è stato il sindaco Ciro Buonajuto, pronto a spegnere sul nascere la discussione: «La questione dell’isola ecologica è stata particolarmente dibattuta in città, a volte in modo strumentale – la premessa del primo cittadino – Ha San Vito non stazioneranno i rifiuti, semmai ci sarà solo un’area in cui depositare gli ingombranti. Ma il nostro piano di sviluppo ambientale per la zona è ampio: basti pensare agli sforzi profusi per portare finalmente le fogne, un tema centrale della campagna elettorale su cui i cittadini ci hanno voluto dare fiducia». Fogne, ma non solo. «L’area di via Focone è circa 10.000 metri quadrati – l’impegno finale del sindaco – Accanto all’isola ecologica ci sarà spazio per lo sport con un campo da bocce e per un centro anziani per rispondere alle esigenze dei pensionati della zona». Sipario, mozione bocciata e nuovo passo per realizzare un centro rifiuti a San Vito.

@riproduzione riservata

CRONACA