Turris. La carica di Caneo: «Servono 5 acquisti»

metropolisweb,  

Turris. La carica di Caneo: «Servono 5 acquisti»

Un forte temporale ha accolto la Turris al primo giorno di raduno all stadio “Amerigo Liguori”. Qualcuno scaramantico ha subito chiosato con la fatidica frase “Raduno bagnato, raduno fortunato”. Tutti i calciatori sono arrivati alla spicciolata, i primi a mettere piede all’interno dello stadio sono stati gli ultimi tre prestiti dal Parma: Lucarelli, Palmucci e Pavone. Poco alla volta il gruppo si è lentamente completato anche con gli arrivi anche di Rainone, Abagnale e Da Dalt il quale ha avuto una riunione di qualche minuto con il direttore Rosario Primicile. L’atmosfera che si è respirata ieri era quella classica del primo giorno di scuola. C’è grande curiosità di vedere all’opera questa squadra praticamente rivoluzionata rispetto alla scorsa stagione. A fare gli onori di casa ci ha pensato il presidente Antonio Colantonio il quale ha radunato calciatori e staff tecnico sul terreno di gioco per illustrare quali sono gli obiettivi ed i propositi per la prossima stagione. Il patron ha tenuto un lungo discorso ai suoi futuri compagni di viaggio i quali hanno applaudito Colantonio dandosi carica a vicenda.

Solidità è il mantra
E’ la parola, il mantra che Bruno Caneo ripete nella prima conferenza stampa della nuova stagione: “Sono contento di essere rimasto qui, ringrazio il presidente per la riconferma. Colgo anche l’occasione per ringraziare chi ha fatto il percorso con me lo scorso anno come staff e calciatori. Quando uno subentra in corsa come ho fatto io, deve risolvere le criticità motivando i ragazzi a chiudere bene la stagione raggiungendo l’obiettivo. Ho dato forza ai calciatori motivandoli a non arrendersi nelle difficoltà. Ora inizia una stagione nuova, si può fare bene e preparare meglio il lavoro”.

Mercato
L’allenatore ha poi parlato dell’argomento che in questo momento sta più a cuore ai tifosi: “I calciatori arrivati sono stati scelti personalmente da me e Primicile che sta facendo davvero un grandissimo lavoro. E’ il segreto di Pulcinella il fatto che ci manchi qualche pedina. Nello specifico occorrono ancora due portieri, due esterni di centrocampo ed un centravanti. L’obiettivo sarà quello di completare tutto entro la prima fase. Non c’è fretta di chiudere, stiamo valutando varie situazioni. La società sta dimostrando di voler costruire nei fatti qualcosa di solido, ambizioso e duraturo nel tempo a prescindere da chi ci sarà in panchina. C’è la voglia di migliorarsi avendo coscienza di affrontare un campionato importante dove ci sono 10 squadre davvero forti e blasonate. A Torre c’è programmazione e tutto per fare bene. Chi sente il nome Turris deve venire motivato ed avere già conoscenza della serietà delle persone che ne fanno parte”

Modulo
Caneo partirà dal suo marchio di fabbrica ovvero il 3-4-2-1 che può diventare anche 3-4-3: “Partiremo con un 3-4-2-1, la nostra mentalità sarà propositiva. Proveremo sempre a fare la gara perchè reputo che questo ci possa portare ad una mentalità vincente. Molto importante è la prestazione così come il lavoro che si fa durante la settimana. Non c’è cosa più bella nel vedere in gara quello che hai provato in settimana. E’ un qualcosa che crea autostima nel calciatore stesso che crede in ciò che fa. Noi non dobbiamo guardare le partite ma farle. Dobbiamo entrare in campo aggressivi. Mi piacerebbe avere una mentalità propositiva per tutti i 90 minuti ma è oggettivamente impossibile”.

Tuttocampista
Al fianco dell’allenatore è intervenuto anche Lorenzo Bordo, uno degli ultimi arrivati: “E’ stata una scelta presa in un attimo, la società mi ha dato questa grande opportunità. Spero d rendermi utile e con il lavoro toglierci delle soddisfazioni. Conoscevo già la città e l’ambiente perchè ho avuto un corallino doc come Agostino Iacobelli. Sarà una avventura molto stimolante”.
Bruno Galvan

CRONACA