Torre Annunziata, l’ultima figuraccia di Ascione: le auto dei vigili sono senza assicurazione

metropolisweb,  

Torre Annunziata, l’ultima figuraccia di Ascione: le auto dei vigili sono senza assicurazione

Le polizze erano scadute un mese fa. Ma quelle venti auto circolavano da giorni senza assicurazione. Una notizia di secondo piano se non fosse che le auto in questione non appartengono a normali cittadini, ma al Comune di Torre Annnunziata. E così è bastato un banale incidente per far venire fuori l’ennesimo incredibile papocchio sfornato dall’ente di palazzo Criscuolo. I fatti ieri pomeriggio. Quando un’auto dei vigili urbani viene travolta da un camion nei pressi del casello autostradale Torre Sud. Nell’incidente viene distrutta una portiera della volante. Gli agenti decidono così di effettuare i rilievi del caso e sul posto arrivano anche i carabinieri. Ma qualcosa fa calare il gelo. L’auto dei vigili urbani non è assicurata. Scatta l’imbarazzo. «Impossibile», commentano dal comando. Partono gli accertamenti. E ciò che spunta fuori dalle carte è ancora più clamoroso. Il veicolo coinvolto nell’incidente non è l’unico a non avere la copertura assicurativa. Ci sono altre venti auto che non hanno rinnovato la polizza. Tra queste compare tutto il parco auto dei vigili urbani, la vettura in dotazione ai volontari della protezione civile. E persino la macchina del sindaco Vincenzo Ascione. Tutte le auto del Comune sono senza assicurazione. La polizza è scaduta il 30 giugno e al momento dei riscontri, ovvero ieri, l’auto incidentata e le altre in servizio non potevano circolare. I carabinieri decidono di chiedere chiarimenti ai vertici del Comune e viene convocato prima il comandante dei vigili, Giuseppe Iorio e poi la responsabile  del settore, Carmela Graziano, dipendente dell’ufficio finanziario, coordinato dal dirigente Nunzio Ariano. La dipendente dal canto suo sembra cadere dalle nuvole. Sostiene che l’agenzia assicurativa è stata liquidata e proprio il giorno dopo il via libera sulla determina di liquidazione firmata dal dirigente. L’agenzia ammette di non aver rinnovato le polizze perché non ha ricevuto alcun saldo. Sale la tensione e con essa l’imbarazzo. I telefoni squillano e partono una serie di chiamate e  messaggi che finiscono nelle chat degli amministratori. «Un’altra figuraccia» commentano i consiglieri comunali. Poi spunta l’atto.   E’ il numero 96  (registro generale 891) ed è stato pubblicato all’albo pretorio il 21 luglio scorso. All’interno lo stanziamento dei 14.000 euro per la copertura assicurativa fino a dicembre 2021 e il via libera al versamento delle somme del trimestre precedente. Ma all’agenzia quelle somme non sono state ancora ufficialmente versate e di conseguenza non sono state rinnovate le polizze. A provare a chiarire il disguido è la responsabile del Comune che mostra la determina e prova a contattare anche l’agenzia Dbroker Srl per ottenere un riscontro immediato. Solo nel tardo pomeriggio una missiva chiarisce l’equivoco, ma solo in parte. Resta che 20 veicoli in uso al Comune di Torre Annunziata hanno continuato a circolare in città senza assicurazione per sette giorni. Quindici se si aggiungono anche quelli che ogni agenzia concede in attesa del pagamento. Una leggerezza che ora potrebbe costare una maxi-multa ai vigili urbani di Torre Annunziata.

CRONACA