Protocollo anti Covid, 3 milioni di euro alle strutture ricettive della Campania

Salvatore Dare,  

Protocollo anti Covid, 3 milioni di euro alle strutture ricettive della Campania

Un aiuto rivolto a tutte le imprese del settore turistico ora in difficoltà per l’emergenza Covid e per il crollo di clienti provenienti dall’estero. E’ quello che la Camera di Commercio di Napoli cerca di attivare attraverso un progetto da oltre tre milioni di euro. Si prevedono finanziamenti (mediante voucher) e investimenti per la messa in sicurezza delle strutture ricettive e per la formazione del personale addetto ai servizi turistici. Nel dettaglio, i fondi verranno erogati per la realizzazione di circuiti Covid-free, per la messa in sicurezza delle strutture ricettive e per la formazione del personale addetto ai servizi turistici, «al fine di ritrovare capacità e competitività in un contesto di sicurezza sanitaria»La somma stanziata, derivante dall’incremento del 20 per cento del diritto annuale, ammonta nel dettaglio a tre milioni e 173mila euro.Saranno ritenuti ammissibili gli investimenti avviati già dal primo gennaio 2021 e fino al prossimo 30 dicembre.Le istanze di ammissione al contributo dovranno essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, attraverso lo sportello on-line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema WebTelemaco di Infocamere, a partire da questa mattina. L’iniziativa era già stata illustrata nel corso della Bit di Napoli di qualche settimana fa.A proposito di turismo. Atex rilancia ancora una volta la necessità di “fare squadra” e sposare l’iniziativa dei percorsi turistici con fondi pubblici che possono erogati ai Comuni già nel corso dei prossimi mesi. L’associazione turismo extralberghiero presieduta da Sergio Fedele, nei giorni scorsi, ha rivolto ai sei sindaci della penisola sorrentina l’invito ad aderire all’avviso pubblico diffuso dalla Regione Campania: ci sarà una selezione di proposte progettuali destinate alla costruzione di un programma di interventi unitario, da realizzarsi tra ottobre prossimo e settembre 2022.La partecipazione alla procedura selettiva è riservata unicamente ai Comuni non capoluogo di provincia della Regione Campania, «per proposte in forma di partenariato tra non meno di cinque Comuni, volte alla realizzazione di percorsi turistici». Sostanzialmente, si prevede una sorta di “viaggio” di tipo culturale, naturalistico ed enogastronomico di portata nazionale e internazionale.«È molto importante che i Comuni della penisola sorrentina presentino un bel progetto – l’intervento di Atex – Proprio per questo abbiamo invitato i sei sindaci dei Comuni a fare squadra per il marketing come hanno fatto per contrastare l’emergenza sanitaria. Sarebbe bello e opportuno organizzare velocemente un incontro tra i sindaci, gli assessori al Turismo dei Comuni della penisola sorrentina e i rappresentanti delle principali associazioni della filiera turistica per lavorare insieme per un progetto “vincente” per il territorio».

CRONACA