Turris. Colantonio: «Vedere il Liguori coi tifosi non ha prezzo»

metropolisweb,  

Turris. Colantonio: «Vedere il Liguori coi tifosi non ha prezzo»

Il secondo test stagionale ha dato risposte in parte positive. La Turris resta comunque un cantiere aperto ma qualche sprazzo di gioco si è intravisto nonostante la condizione fisica non possa essere fisiologicamente delle migliori. Caneo è soddisfatto del lavoro che la sua squadra sta facendo ma, da allenatore di provata esperienza, sa che il calcio d’agosto è utile solo per mettere minuti nelle gambe e rodare i meccanismi: “La maggior parte delle cose si è sviluppata abbastanza bene. Ci è mancata la lucidità – analizza l’allenatore – nel fare qualcosa in più come la finalizzazione o la scelta dell’ultimo messaggio ma in questa fase di preparazione è normale poiché i carichi di lavoro sono stati davvero importanti. In questo momento la testa ti dice di fare una cosa mentre le gambe ti dicono altro”. Tra i più positivi in queste uscite c’è senza dubbio Varutti. L’ex Modena, in questa fase di preparazione, è apparso tra i più in forma. L’intesa con Loreto procede bene e da quella corsia mancina si sviluppano tante situazioni interessanti di gioco: “Varutti? Non è in fatica , ha smaltito bene i carichi di lavoro e può farci crescere insieme agli altri. La condizione generale – spiega Caneo – è al 30-35% ma più andremo avanti e più miglioreremo. Stiamo lavorando con grande intensità sotto l’aspetto fisico, tecnico ed analitico”.
Alla Turris mancano due pedine per definirsi un organico completo in ogni ruolo. Caneo da questo punto di vista spiega cosa bisogna aspettarsi in entrata: “Stiamo aspettando un esterno destro. Centravanti? Molto dipende da Pandolfi, egoisticamente spero rimanga ma le dinamiche di mercato sono varie. L’ho visto un attimino disorientato quando è arrivato in ritiro, ho cercato di tranquillizzarlo dicendogli di pensare a recuperare fisicamente e mentalmente perché se, parlando in generale, non recuperi queste due cosi fai fatica. Contro il Napoli Primavera ha fatto trenta minuti importanti e di valore”. Nella presentazione ufficiale Colantonio ha voluto ringraziare tutti: “Rivedere il Liguori nuovamente con i tifosi mi dà carica. Ho tantissimi difetti ma anche un pregio, quello di aver mantenuto la mia promessa di portare la Turris in Lega Pro. Promisi a questa città di portarla nuovamente tra i professionisti e devo dire, senza presunzione, di esserci riuscito. Sono riuscito in questa grande avventura anche grazie al fantastico pubblico che solo Torre del Greco ha. Il ruggito del Liguori non ha prezzo”.
Bruno Galvan

CRONACA