Rifiuti e roghi a Ercolano: incubo eternit, sos da via Viulo

Vincenzo Lamberti,  

Rifiuti e roghi a Ercolano: incubo eternit, sos da via Viulo
Discarica di rifiuti in via Viulo a Ercolano

Ercolano. «Viviamo in mezzo alla monnezza. Siamo stanchi di essere considerati la pattumiera della città». La protesta – corredata di foto scandalo – arriva da via Viulo, stradina del quartiere San Vito dove i residenti, ormai da mesi, hanno ingaggiato una battaglia contro chi sversa illegalmente rifiuti nella zona. «Ormai è diventata una sfida – dichiara uno dei più attivi nella battaglia per la legalità della zona – noi segnaliamo gli sversamenti, magari dopo qualche giorno vengono anche a pulire, ma puntualmente ci ritroviamo sacchi di rifiuti che vengono piazzati di notte» la denuncia del residente. Ciò che colpisce della “qualità” dei rifiuti che vengono depositato in via Viulo è che, spesso, si tratta di sacchi neri e di materiale di risulta che proviene da lavorazioni edili.

«A volte di sera tardi – denunciano i residenti – avvistiamo dei furgoncini che arrivano qui, sostano e scaricano questa roba nella nostra strada». Ciò che preoccupa è che in alcuni punti – come dimostrano anche le foto – tra gli scarti che vengono buttati in via Viulo ci sono diversi oggetti di plastica ma soprattutto anche delle canne fumarie (che in passato venivano realizzate con l’eternit) che rischiano di essere seriamente dannose per la salute. «Abbiamo segnalato all’amministrazione comunale più volte quello che accade nella nostra zona – spiegano i residenti di via Viulo – e a volte il servizio di pulizia è arrivato anche qui. Ma, poi, tempo qualche giorno e ci ritroviamo alle prese con il solito immondezzaio dal quale ormai non c’è via d’uscita».

Ad aggravare la situazione il fatto che, in alcune circostanze, mani ignote abbiano anche appiccato incendi ai rifiuti. «Lo fanno stesso le persone che gettano qui il materiale di risulta in modo da evitare che si possa risalire all’identità di chi ha violato la legge» raccontano gli abitanti della zona nord. «Siamo stanchi di protestare senza essere ascoltati – concludono i residenti – vogliamo che al più presto siano prese delle misure serie e significative di tutela del nostro quartiere».

@riproduzione riservata

CRONACA