Longola teatro di eventi, Poggiomarino prepara l’omaggio a Caruso

metropolisweb,  

Longola teatro di eventi, Poggiomarino prepara l’omaggio a Caruso

Parco archeologico e teatro degli eventi per la stagione estiva di Poggiomarino. Longola s’appresta a vivere l’appuntamento di punta di un ricco programma di manifestazioni studiato dall’amministrazione comunale in questi mesi.

Il ricordo di Enrico Caruso – di cui quest’anno di celebrano i 100 anni dalla morte – con la voce di Pasquale Esposito e l’orchestra sinfonica dei talenti napoletani diretta dal maestro Ettore Gatta rappresenta l’evento più atteso in città.

Si terrà in una cornice speciale, quel parco archeologico e naturalistico riconsegnato alla comunità dopo gli ultimi anni in cui era stato chiuso al pubblico.

Per Rachele Sorrentino, assessore agli eventi della giunta Falanga, si tratta di un momento importanssimo. «Poggiomarino non ha mai visto così tanti eventi come in questa stagione.

Provare a organizzare il tributo a Caruso è stato particolarmente impegnativo».

Domenica si apriranno le porte di Longola per l’appuntamento più atteso dell’estate. «Ma sono stati tutti eventi molto interessanti. – dice Sorrentino – Abbiamo cercato di organizzare manifestazioni per famiglie e per i bambini.

Tutti andati sold out, segnali che ci siamo mossi bene. La cultura è stata leit motiv di queste manifestazioni, anche attraverso queste iniziative puntiamo a migliorare la qualità della vita delle persone », ammette. All’orizzonte una serie di eventi per le festività natalizie, mentre è in programma l’organizzazione di un concerto nella piazza antistante il municipio con Erminio Sinni.

«Nulla di ufficiale sotto questo aspetto», commenta.

Soddisfatta anche l’assessore con delega al parco di Longola, Maria Carillo. «Il parco naturalistico può dare tanto a questa comunità. L’evento per il tributo a Enrico Caruso è una vetrina per l’intero territorio. Ci saranno i network americani, porteranno in tutto il mondo l’immagine e la bellezza che solo questo parco sa dare».

(andrea ripa)

CRONACA