Lavori nelle scuole, la verità del vicesindaco di Boscoreale

Pasquale Malvone,  

Lavori nelle scuole, la verità del vicesindaco di Boscoreale

Il suono della campanella ha dato il via libera all’apertura del nuovo anno scolastico, tra aspettative e preoccupazioni, attese e speranze. Ma qual è lo stato di salute dei sedici plessi scolastici che insistono sul territorio boschese dal centro alla periferia? E quali sono i piani dell’amministrazione comunale per scongiurare i disagi e imprevisti? Lo abbiamo chiesto al vicesindaco Francesco Faraone, responsabile della delega all’edilizia scolastica, che ha fatto il punto della situazione anche sui lavori del plesso Cangemi, ormai in dirittura d’arrivo.

Nuovo anno, vecchi guai?

Faccio gli scongiuri, ma le attività didattiche hanno ripreso senza problemi, almeno per ciò che ci compete. Abbiamo giocato d’anticipo, e siamo riusciti a sistemare ciò che andava sistemato, a partire dalla pulizia degli spazi esterni e delle aree verdi.

Una delle note dolenti è proprio il capitolo della manutenzione, troppo spesso privo di risorse adeguate.

I fondi per la manutenzione ordinaria e straordinaria sono stati stanziati nell’ultimo bilancio ed è una cifra importante che ci consentirà di intervenire senza affanni e soprattutto in tempi brevissimi.

E come la mettiamo con la burocrazia? La realtà è ben diversa.

Da quest’anno abbiamo introdotto una piccola variazione che snellisce la procedura fin qui utilizzata e ottimizza i tempi di intervento.

Ovvero?

Abbiamo previsto un budget per la manutenzione ordinaria che sarà gestito direttamente dalle dirigenti scolastiche dei tre istituti comprensivi. Le dirigenti potranno potranno deliberare in piena autonomia decisionale, bypassando l’ufficio tecnico. La scuola, dal canto suo, sarà chiamata solo a rendicontare le spese al comune al termine dell’anno scolastico.

Accantoniamo il capitolo della manutenzione. A che punto sono i lavori di riqualificazione del plesso Cangemi?

Non voglio fare previsioni ottimistiche, ma credo che entro novembre saremo pronti. Proprio nei giorni scorsi è stata approvata l’ultima variante in corso d’opera che, attraverso una rivisitazione della spesa, ci consentirà di aumentare il numero della aule complessive che saranno realizzate in quella che un tempo era la casa del custode. La ditta ci ha garantito la consegna entro sessanta giorni. La palestra è stata completata e sarà a disposizione degli alunni già a partire dalla prossima settimana.

Quanto dovranno attendere le famiglie per le cedole librarie. Ci saranno i soliti ritardi?

Il consigliere delegato Adriana De Falco se ne sta occupando in prima persona. Restano da ultimare solo alcuni aspetti marginali della procedura, ma posso garantire che non ci saranno fuori programma. I genitori saranno informati tempestivamente attraverso i canali di comunicazione istituzionali.

Anche per la mensa scolastica?

Il servizio di refezione era stato già appaltato poco prima della pandemia. Se non ci saranno restrizioni, la ditta responsabile attende solo il via libera.

CRONACA