Napoli, una mostra d’arte nella farmacia dei Golfi

Marco Milano,  

Napoli, una mostra d’arte nella farmacia dei Golfi

In farmacia ad ammirare opere d’arte. Originale rassegna Farmacopee che mette in mostra “Oggetti d’arte” alla Farmacia Dei Golfi in piazzetta Duca D’Aosta a Napoli. Un progetto corale con una serie di appuntamenti divisi in sei bi-personali, dando vita ad un ciclo di mostre che proseguirà fino a febbraio 2022. A tagliare l’ideale nastro inaugurale dell’iniziativa voluta dalle “Farmacie dei Golfi” che da tempo danno vita a progetti che si preoccupano di curare i pazienti non semplicemente prescrivendo medicinali ma avendo a cuore il loro stato d’ animo, migliorandone il benessere emotivo, sono stati Pietro Lista e Rosa Cuccurullo. Il primo tra i più influenti esponenti dell’arte povera, con un nome legato a personalità del calibro di Marcello Rumma e Achille Bonito Oliva, ha presentato “ Diario”, un’installazione in spago e legno racchiusa in una scatola di plexiglass. Rosa Cuccurullo, invece, versatile autrice dal percorso professionale eclettico, ha portato nelle vetrine della farmacia ad angolo con i gradini Conte di Mola, dirimpettaie il “Teatro Augusteo” il suo “Erbario”, delle eleganti opere a tema foliage. E sono dieci in totale gli autori che hanno aderito alla rassegna “Farmacopee” chiamati dalla famiglia De Martino, titolare della rete di farmacie campane, a lavorare ex-novo ad un’opera portabile. “Un’opera è sì una cosa – ha spiegato Marcello Francolini, autore dei testi critici che accompagneranno ogni mostra – ma differente dall’oggetto: al limite è un oggetto inutile, ma pur tuttavia serve ad oggettivare la realtà, farla mondo”. L’originale format che vuole avvicinare il pubblico in modo innovativo all’arte contemporanea, punta “alla valorizzazione di uno spazio storico della città e su un’idea di benessere totale”.

CRONACA