Juve Stabia in crisi nera, Novellino paga per tutti

Michele Imparato,  

Juve Stabia in crisi nera, Novellino paga per tutti

Novellino esonerato. La sconfitta al Romeo Menti contro il modesto Picerno è stata la condanna definitiva per l’allenatore della Juve Stabia.
Poco dopo la gara, nel tardo pomeriggio, la società di Andrea Langella ha comunicato l’esonero di Novellino dopo che lo stesso è stato autorizzato a parlare con la stampa per la solita conferenza post-gara. Subito dopo l’allenatore irpino ha ricevuto il benservito dal club nonostante, in sala stampa, ha dichiarato che per lui: «il giocattolo non si è rotto».
La panchina delle Vespe è stata affidata a Edoardo Imbimbo, il vice di Walter Novellino.
Una scelta che non ha trovato, onestamente, tanti consensi visto che la piazza si sarebbe aspettata un allenatore con un profilo decisamente differente che potesse prendere le redini della formazione.
Walter Novellino, dunque, conclude prima del previsto la sua esperienza stabiese. Una panchina che l’allenatore ex Napoli e Avellino ha voluto con tutte le sue forze perchè, come da lui sempre dichiarato, si è detto affascinato dalla Juve Stabia e dalla tifoseria. La stessa che in estate lo ha accolto a furor di popolo dopo l’addio di Padalino. Del resto, Walter Novellino è stato un allenatore che in carriera qualche campionato l’ha vinto.
Novellino paga in questo momento per tutti ma non è l’unico colpevole. L’allenatore, purtroppo, ha pagato la mancanza di un gioco che si è visto solo a tratti. Ha iniziato con un modulo per poi sconfessarsi nelle ultime gare.
Una Juve Stabia che in questo inizio di stagione ha vinto due partite contro Vibonese e Latina, certamente non due squadre di vertice, e che al Menti non ha mai conquistato bottino pieno e solo ieri sono arrivati i primi due gol dopo tre squallidi pareggi per 0-0.
Novellino paga anche la scelta della società di ricorrere al minutaggio in questo campionato. Non a caso questo è stato già il primo motivo di scontro tra l’allenatore e la proprietà.
Alla vigilia della partita di Latina c’è stato un duro scontro tra Novellino e i dirigenti perchè l’allenatore avrebbe avuto da ridire sul fatto di schierare sempre i tre giovani, che condizionavano le sue scelte di formazione e i cambi.
Si è cercato di mediare anche grazie all’intervento del ds Rubino ma, è chiaro, che la situazione era destinata a esplodere nel tempo. E così, dopo aver fatto buon viso a cattivo gioco, nelle partite con Palermo e Catania ieri si è giunti al capolinea.
La famiglia Langella ha deciso per l’esonero ma questo non vuol dire che Walter Novellino deve essere il capro espiatorio perchè anche la società ha le sue responsabilità.
Ora si chiude il capitolo Novellino e da oggi si apre quello di Imbimbo. Un allenatore voluto da Novellino nel suo staff e che l’anno scorso ha allenato il Giugliano in serie D retrocedendo in Eccellenza. La Juve Stabia è chiamata a dare subito un segnale di svolta domani sera a Monopoli nel turno infrasettimanale. Ora il momento è negativo. L’umore è nero così come quello dei tifosi stabiesi, che hanno dato credito quasi illimitato a squadra e società ma Castellammare è abituata a meritare altro.

CRONACA