Castellammare. Camorra, la moglie del ras lavorava come ausiliaria del traffico

Tiziano Valle,  

Castellammare. Camorra, la moglie del ras lavorava come ausiliaria del traffico

Castellammare. C’è anche Giuseppina Polito tra le destinatarie dell’ordinanza di custodia cautelare emesse dal Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura Antimafia. Si tratta della moglie del ras Antonio Maragas, che fino a 15 giorni fa lavorava come ausiliaria del traffico a Castellammare di Stabia. Al momento della proroga contrattualeconcessa all’azienda Tmp è stata licenziata. Le verifiche chieste dal sindaco Gaetano Cimmino sui carichi pendenti, rispetto alle autocertificazioni prodotte dai vigilini che dovevano ricevere le autorizzazioni a sanzionare chi non pagava il grattino per la sosta, avevano fatto emergere anomalie che erano costate il licenziamento a tre ausiliari del traffico.Tra questi c’era anche Giuseppina Polito, 46 anni, alla quale ieri i carabinieri hanno notificato un divieto di dimora in Campania, nell’ambito dell’inchiesta sul nuovo gruppo scissionista che si stava formando alla periferia di Castellammare.A Giuseppina Polito viene contestato un episodio di spaccio in concorso con Virginia Lanzieri, ieri finita in carcere. La moglie del ras dopo aver partecipato alla cessione di una dose di droga a un cliente da parte della Lanzieri, propone a quest’ultima di contattare il marito Antonio Maragas e il figlio Giuseppe, per piazzare la parte restante dello stupefacente.Una vicenda ricostruita anche attraverso le intercettazioni telefoniche dai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia, che hanno incastrato l’ausiliaria del traffico.

CRONACA