Ghirelli al Liguori per Turris-Catanzaro

Michele Imparato,  

Ghirelli al Liguori per Turris-Catanzaro

Il presidente Ghirelli allo stadio Liguori. Lunedì, in occasione del big-match Turris-Catanzaro, il numero uno della Lega Pro sarà a Torre del Greco. Un tour che Francesco Ghirelli sta proseguendo nell’ambito delle visite istituzionali ai club e agli impianti sportivi.
Per la Turris è sicuramente un motivo di orgoglio e la società corallina sta già mettendo a punto i preparativi per ospitare Ghirelli nel migliore dei modi.
Il fatto che poi la visita del presidente della Lega Pro coincida con la partita della Turris contro il Catanzaro rende ancora più lustro. Lunedì, nonostante l’orario lavorativo (ore 17,30), lo stadio Liguori dovrebbe regalare comunque un buon colpo d’occhio visto che la squadra di Bruno Caneo affronta il Catanzaro, seconda forza del campionato insieme a Palermo e Monopoli. E dopo questo trio di squadre c’è proprio la Turris che è galvanizzata dopo le vittorie contro la Juve Stabia e il Monterosi. Giannone e compagni stanno avendo un rendimento positivo ricalcando quello dell’anno scorso al primo campionato di Lega Pro dopo venti anni di serie D.
Tutti, però, Colantonio in primis, auspica che stavolta la Turris non abbia cali di rendimento come nella seconda parte del torneo passato quando la squadra era caduta in crisi precipitando in classifica. Tutti hanno spiegato quel periodo come una sorta di calo fisiologico dovuto all’approccio, difficile, della Turris alla Lega Pro.
Questa volta non dovrebbe essere così perchè il ds Primicile e Colantonio, durante il mercato estivo, hanno lavorato proprio per non ripetere lo stesso errore.
La rosa messa a disposizione di Caneo è decisamente più forte rispetto all’anno scorso.
La società corallina è intervenuta in modo chirurgico per puntellare i reparti con elementi di categoria come Santaniello e Leonetti in attacco.
Il portiere Perina, che il presidente Colantonio ha pagato quasi a peso d’oro per sottrarlo alla concorrenza. In più gli arrivi di Finardi, Nunziante, Varutti, Sartore oltre all’esplosione di Tascone. Senza dimenticare la conferma di Luca Giannone, uno dei top player in Lega Pro che la Turris ha acquistato l’anno scorso.
I tifosi della Turris si stanno riaffacciando al calcio che conta con il petto in fuori grazie anche ai sacrifici e alla programmazione della famiglia Colantonio. Il presidente ha riportato solidità alla Turris negli ultimi anni durante la sua gestione dopo varie stagioni altalenanti e sofferte nell’inferno della serie D.
Quest’anno l’obiettivo della società corallina è quello di provare ad alzare l’asticella senza perdere di vista, ovviamente, la salvezza che è il primo traguardo da centrare. L’esame col Catanzaro di lunedì potrebbe far capire fin dove può aspirare la Turris ma la cosa più importante è dare un’immagine passionale del tifo corallino davanti allo sguardo di Ghirelli.

CRONACA