Torre Annunziata, lite a due passi dal municipio: accoltellato un diciassettenne

Giovanna Salvati,  

Torre Annunziata, lite a due passi dal municipio: accoltellato un diciassettenne

Un ragazzino di diciassette anni è stato accoltellato, martedì pomeriggio, nei pressi della stazione ferroviaria di piazza Nicotera a Torre Annunziata. Il giovane è stato ferito al volto e al braccio destro davanti agli occhi di diversi pendolari. Sul caso è stata avviata un’indagine da parte della polizia di Stato per identificare l’autore dell’aggressione.

L’aggressione

Secondo le prime ricostruzioni degli agenti del commissariato di Torre Annunziata l’episodio è avvenuto intorno alle quattro del pomeriggio. La vittima, assieme a un gruppo di amici, si trovava nei pressi della stazione ferroviaria, a due passi dal Comune dalla sede del comando dei vigili urbani. Il gruppetto di minorenni, secondo le prime ricostruzioni, stava fumando uno spinello in strada. Improvvisamente si è avvicinato un ragazzo, indicato dai testimoni come un minorenne di origini rumene da poco sceso da un treno giunto a Torre Annunziata. Il giovane avrebbe provato ad aggregarsi alla comitiva. Ma al secco rifiuto del gruppo è scoppiato l’inferno. L’aggressore avrebbe prima insultato i ragazzi per poi passare dalle parole ai fatti. Sotto lo sguardo di decine di pendolari il giovane ha estratto dalla tasca un coltello sferrando due colpi al diciassettenne: uno al viso e uno alla gamba destra. L’aggressore scappa, mentre gli amici del ragazzo chiedono aiuto alle forze dell’ordine e al 118. Il diciassettenne viene immediatamente condotto al pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia per essere sottoposto alle cure del caso. I medici gli suturano le ferite e lo dimettono poche ore dopo con una prognosi di 5 giorni.

Le indagini

Mentre il ragazzo era in ospedale gli agenti del commissariato di polizia, intervenuti immediatamente sul posto, hanno provato a ricostruire la dinamica dell’accaduto, ascoltando i ragazzi che erano assieme al diciassettenne e altri testimoni presenti nella stazione al momento dell’aggressione. Dalle dichiarazioni è emerso che ad aggredire il diciassettenne sarebbe stato un giovane di origini rumene appena sceso dal treno. Partendo dall’identikit dell’indiziato le forze dell’ordine hanno acquisito le immagini di videosorveglianza della zona per riuscire a ricostruire il percorso dell’aggressore e la dinamica dei fatti. Secondo gli investigatori dalle dichiarazioni dei ragazzi sarebbero emerse diverse discrepanze.

I precedenti 

Un episodio che comunque riaccende i riflettori sull’emergenza sicurezza che ha travolto la città e sull’escalation criminale che vede protagonista, in particolare, ragazzi giovanissimi. Solo qualche giorno fa è stato arrestato un diciassettenne accusato di aver messo a segno una serie di rapine ai danni di alcuni automobilisti. Mentre ad aprile, in via Gino Alfani (la strada della movida) un ragazzino – sempre minorenne – è stato gambizzato dopo una lite.

CRONACA