Corsa per salvare il Natale a Torre del Greco, la «soluzione» di Palomba & co.: contributi da 40.000 euro per gli eventi

Alberto Dortucci,  

Corsa per salvare il Natale a Torre del Greco, la «soluzione» di Palomba & co.: contributi da 40.000 euro per gli eventi
Caccia agli eventi per Natale a Torre del Greco

Natale, partenza in salita a Torre del Greco: errore nelle procedure, stop agli eventi per le feste
Torre del Greco, veleni sul cartellone di eventi per Natale: «Errori e anomalie nella procedura»

Torre del Greco. Corsa ai ripari per «salvare» il Natale all’ombra del Vesuvio: in arrivo un nuovo avviso pubblico del Comune, caccia agli eventi low-cost per accendere le feste in città. è la soluzione last minute su cui punta la carovana del buongoverno guidata da Giovanni Palomba dopo il flop della gara d’appalto per le luminarie e la frenata sulla manifestazione d’interesse per il cartellone inizialmente previsto per dicembre e gennaio: niente investimenti faraonici, ma contributi per 40.000 euro da distribuire a pioggia alle associazioni del territorio e ai privati con «adeguata esperienza» nel settore dell’intrattenimento e del divertimento.

La delibera-lampo

Prima di partire con la famiglia alla volta dell’Abruzzo per le «ragioni strettamente personali» alla base della mancata partecipazione all’ultima seduta del consiglio comunale, Giovanni Palomba ha approvato in giunta le nuove linee di indirizzo tracciate dall’assessore alla cultura Enrico Pensati per scongiurare il rischio di un Natale senza il tradizionale palinsesto di appuntamenti. Sfruttando le risorse economiche previste in bilancio sotto forma di «trasferimenti», l’esecutivo di palazzo Baronale ha deciso di investire i 40.000 euro in animazione e intrattenimento – i «classici» artisti di strada e gonfiabili per bambini – rassegne musicali a sfondo religioso per accontentare i parroci «cari» al primo cittadino e rassegne teatrali a tema natalizio.

Le linee di indirizzo

Il provvedimento approvato dalla giunta contiene tutte le linee di indirizzo richieste dalla super-dirigente Claudia Sacco dopo l’annullamento in autotutela della prima manifestazione d’interesse: dovrà essere privilegiata – le «indicazioni» della giunta – la valenza qualitativa dei progetti e preferite le proposte in grado di assicurare una «copertura maggiore» in termini di giorni. Pochi dubbi, infine, in merito alle location: preferite le ville comunali, le strade dello shopping, la Litoranea e l’area portuale.

La corsa contro il tempo

Il nuovo avviso pubblico dovrebbe essere pronto entro metà settimana, poi scatterà la corsa per la scelta degli eventi – prevista l’apposita griglia per i punteggi «dimenticata» in prima battuta – e l’organizzazione del cartellone. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è partire con le iniziative entro metà dicembre. Salvo, ovviamente, nuovi intoppi.

@riproduzione riservata

CRONACA