Castellammare, eventi mai fatti e pagati: l’opposizione convoca l’assessore

Tiziano Valle,  

Castellammare, eventi mai fatti e pagati: l’opposizione convoca l’assessore

Castellammare. “L’assessore De Stefano deve venire urgentemente in commissione per chiarire cosa sta accadendo per gli eventi”. I consiglieri comunali di minoranza Michele Starace e Giovanni Nastelli sono pronti a dare battaglia sul caos amministrativo che fin dall’inizio di dicembre sta segnando l’organizzazione degli eventi natalizi a Castellammare di Stabia. A feste ormai finite, appena il 4 gennaio, il Comune ha affidato a un appalto da 30mila a una società che dovrà occuparsi di organizzare tre serate. Non si sa quando e non si sa dove. Un affidamento che va a sommarsi ad altri gia’ fatti nelle settimane scorse per un totale di oltre 200mila euro, per eventi che di fatto non si sono mai svolti. E in più in generale va a sommarsi alle polemiche per la gestione amministrativa delle festività natalizie che ha visto anche le luminarie montate con enorme ritardo in villa comunale e le luci promesse nel centro antico (le frasi più celebri di Raffaele Viviani) che di fatto non sono mai state installate. “L’amministrazione comunale ha stanziato un’ingente somma per predisporre una serie di eventi pubblici ad oggi non realizzati o realizzati solo parzialmente”, denunciano Starace e Nastelli, rispettivamente rappresentanti delle civiche Partito della Città e Uniti per Stabia. “In alcuni casi il Comune ha anche pagato un anticipo rispetto alla cifra impegnata per eventi mai realizzati – continuano i consiglieri di minoranza –  Abbiamo già presentato un’interrogazione lo scorso 20 dicembre senza ricevere alcuna risposta”. Per questo motivo, l’opposizione adesso vuole andare fino in fondo alla vicenda e Starace e Nastelli hanno chiesto un’audizione urgente dell’assessore Gaetano De Stefano in commissione consiliare. Il timore della minoranza è che il pasticcio amministrativo nell’organizzazione degli eventi natalizi possa gravare anche sulle casse di Palazzo Farnese. Un flop quello della giunta Cimmino annunciato già dall’inizio di dicembre con il concerto annullato di Antonello Venditti sull’arenile durante la serata dell’Immacolata. L’amministrazione aveva puntato tutto su quell’evento senza prevedere un piano di riserva. E la corsa contro il tempo per provare a mettere una pezza ha finito solo per aggravare la situazione, perché l’aumento dei contagi ha fatto saltare anche le ipotetiche alternative. Un disastro per il quale ora la minoranza spera non si aggiunga anche la beffa, per i cittadini stabiesi, di dover pagare eventi che non si svolgeranno. Da sempre il tema degli eventi rappresenta un motivo di scontro tra maggioranza e opposizione. Anche per le amministrazioni del passato, infatti, l’organizzazione di spettacoli è stato un tallone d’Achille spesso utilizzato nel dibattito politico.

CRONACA