Pompei, scritte inquietanti inneggianti alla camorra sui muri del centro

Salvatore Piro,  

Pompei, scritte inquietanti inneggianti alla camorra sui muri del centro

Pompei. “Camorra”. L’inquietante scritta  compare sui muri della città del Santuario. E’ opera di ignoti, probabilmente pure molto giovani, l’ultima incisione pro-camorra comparsa pochi giorni fa nella centrale via Lepanto, a Pompei. Potrebbe certo trattarsi dell’ennesima ragazzata, ma il segnale di deriva socio-culturale non andrebbe minimamente sottovalutato. Soprattutto se sommato alle recenti scritte pro-clan, comparse nel degrado della Fonte Salutare, ovvero l’ex parco verde cittadino – con ingressi sia in via Sacra che a piazza Schettini – ora divenuto soltanto l’emblema dello scempio, dell’incuria e del degrado. L’ultima vecchia giostra per bambini, montata nella Fonte Salutare di Pompei, fu vandalizzata forse da una baby-gang nella notte tra il 3 e il 4 settembre scorsi. I baby-vandali, nella circostanza, oltre a devastare scivoli e altalene, lasciarono la loro impronta. Firmata “Clan”. La scritta venne impressa con una bomboletta spray di colore nero su quel che ora resta di scivoli e di altalene. Nel frattempo, l’amministrazione comunale di Pompei ha finalmente deciso di reagire. Il Ministero dell’Interno ha infatti approvato un ricco progetto di restyling per il parco verde nella Fonte Salutare e di piazza Schettini. L’investimento è di circa un milione di euro. «Abbiamo deciso di annullare un precedente e fumoso progetto – ha detto il sindaco Carmine Lo Sapio, confortato inoltre dall’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Raffaella Di Martino – per lasciare spazio a un piano di restyling completamente nuovo, che prevede la riqualificazione dei giardini, la riconfigurazione di piazza Schettini, il rifacimento dell’illuminazione e la realizzazione di un’area giochi. La Fonte Salutare, assieme ai giardini verdi di piazza Bartolo Longo, torneranno quindi a essere il vero biglietto da visita per i visitatori della città di Pompei». I fondi utili anche al restyling del parco verde annesso, in via Sacra numero 15, in realtà furono già sbloccati nel 2020 con una delibera approvata dalla Regione Campania: circa 150mila euro lordi rientranti nel progetto “Unesco Creator Vesevo. In cammino tra le gemme Unesco da Napoli a Pompei” un intervento che ha per scopo la valorizzazione culturale dei principali percorsi del centro storico di Napoli e delle aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Torre Annunziata. Tuttavia, con una successiva delibera dello scorso anno, l’amministrazione comunale di Pompei decise di “annullare il precedente fumoso progetto per lasciare spazio a un intervento nuovo, che prevede la riqualificazione dei giardini, il rifacimento dell’illuminazione e la realizzazione di una gradinata nella Fonte Salutare”.

CRONACA