Spallett:”Vittoria ci dà nuovo entusiasmo”

metropolisweb,  

Spallett:”Vittoria ci dà nuovo entusiasmo”

”E’ una vittoria che mi dà entusiasmo soprattutto perché siamo in un momento particolare, in casa abbiamo lasciato tanto e recuperare è dura e non si può fallire. Ma quando te ne succede più di una di cosa, avere una reazione forte è sempre difficile. Per questo il gol di Petagna è stato liberatorio”. Luciano Spalletti è molto soddisfatto per la vittoria del suo Napoli e soprattutto per la continuità dimostrata dopo il pareggio di Torino con la Juventus in un momento particolarmente delicato. ”La partita – dice ai microfoni di Dazn – non era facile. La Sampdoria si è presentata con un comportamento abbastanza difensivo e compatto e non era facile da affrontare. ma noi abbiamo fatto una buonissima partita”. Spalletti si complimenta anche con Insigne e soprattutto per il comportamento del pubblico nei confronti del capitano. ”Penso – dice il tecnico – che ormai i tifosi del Napoli sanno benissimo valutare il comportamento di un calciatore che hanno avuto tanti anni davanti per testare l’uomo insigne e le reazioni dipendono tutte da quella conoscenza. E’ un calciatore importante che anche oggi ha dato un grosso contributo. Averlo a disposizione fino alla fine del campionato ci può dare una mano importante”. Complimenti da Spalletti anche per Lobotka. ”E’ un giocatore fantastico – dice Spalletti – può diventare un giocatore tipo Jorginho che sa prendere per mano la squadra”. ”C’è dispiacere – dice D’Aversa – per aver subito il gol in una circostanza in cui il nostro portiere aveva problemi tanto è vero che poi è stato costretto ad uscire. Certo potevamo far meglio ma ci sono stati troppi errori nella fase del disimpegno. C’è rammarico per aver subito quel gol. Ma con tante assenze non era semplice riprendere il risultato, anche se abbiamo tenuto il gioco in equilibrio fino alla fine con impegno e sacrificio. Certamente abbiamo fatto il massimo”. ”Rincon – conclude – è entrato e ha dato più aggressività alla squadra, anche se non era in condizioni ottimali visto che ha fatto solo una parte di un allenamento con noi. E’ chiaro che con un centrocampo a tre devi giocare in un modo diverso. Per poter fare il sistema di gioco che ho in mente ci vogliono i giocatori ed è chiaro che la società sa dove deve intervenire per migliorare la rosa”.

CRONACA