Juve Stabia, nuovo ds Spunta l’ex Toro Bava

metropolisweb,  

Juve Stabia, nuovo ds Spunta l’ex Toro Bava

Vinta la partita con l’Erario, la Juve Stabia adesso può concentrarsi sul futuro. Il primo passo da fare è saldare le scadenze amministrative del 16 e 22 maggio necessarie per l’iter dell’iscrizione.
Allo stesso tempo, la società si sta muovendo anche sul piano tecnico. Andrea Langella, durante la conferenza stampa di venerdì, ha svelato di aver interpellato già quattro direttori sportivi. Uno di questi è sicuramente Francesco Montervino ma oltre all’ex ds del Taranto uno dei nomi contattati dalla Juve Stabia è Massimo Bava.
Nato a Torino il 17 settembre 1963, Massimo Bava è stato, per nove anni anima del Torino, per un breve periodo come direttore sportivo ( stagione 2019-20) ma soprattutto come responsabile del settore giovanile (dal 2012 al 2019, e nella stagione 2020-21). Nella sua esperienza al Torino ha ottenuto ottimi risultati, a partire dallo scudetto vinto con la Primavera nel 2015, riportando a Torino quei successi che mancavano da una ventina d’anni. Non solo lo scudetto: nella sua avventura in granata, Massimo Bava ha conquistato una Coppa Italia (con la Primavera), due Supercoppe (sempre con la Primavera), due scudetti Berretti (oggi Under 18), e due trofei con l’Under 17. Tra i giocatori, che sotto la sua supervisione, sono riusciti ad arrivare ad alti livelli Bonifazi, Barreca, Millico, Parigini, Edera, Adopo (Primavera), Gyasi (Primavera), Rauti, Ferigra e Segre. Bava ha lasciato il Torino a luglio del 2021. Dopo la lunga esperienza granata per lui sembrava imminente l’incarico di direttore sportivo nell’Alessandria dopo la promozione in B. Bava ha iniziato la sua carriera da dirigente nel calcio 20 anni fa, nei dilettanti a Volpiano nel torinese nel 1998 ottenendo la promozione in serie D, poi ha lavorato al Canavese (promozione storica in serie C2) e a Cuneo. Ruolo di campo ma anche organizzativo, con mansioni sia da ds che da direttore generale.
L’identikit di Massimo Bava potrebbe sposarsi a pieno con la filosofia della famiglia Langella che intende investire molto sui giovani proseguendo la linea tracciata già nel recente campionato. E’ chiaro che la Juve Stabia intende, come ha rimarcato Andrea Langella in conferenza, cresciere e valorizzare giovani di proprietà e non di altre società come è accaduto con Matteo Stoppa. Sotto quest’ottica va letto l’interessamento delle Vespe per Bava che a Torino ha lavorato non bene ma benissimo alla guida del settore giovanile. Con lui si potrebbe avviare un progetto a media-lunga scadenza attraverso la valorizzazione di giovani da poi riuscire a vendere per creare anche plusvalenze nelle casse della società. Francesco Montervino e Massimo Bava sono alcuni dei direttori sportivi che la famiglia Langella ha già contattato illustrando quelli che sono i progetti della Juve Stabia. Le consultazioni andranno avanti ancora ma come è stato detto alla stampa c’è la volontà di definire quanto prima la figura del ds e dell’allenatore per poi passare alla campagna acquisti.

CRONACA